La Taranta passa da Lecce

Lecce. Confermata la data leccese: sarà quella del 14 agosto. Annunciato un ospite salentino di portata nazionale. Mistero sulla sua identità

LECCE – Il festival “La Notte della Taranta” ospiterà a partire da quest’anno un appuntamento speciale, un “concertone” dell’Ensamble dell’Orchestra nella città capoluogo. Alla decisione si è arrivati dopo anni di tentativi più o meno indirizzati verso questo obiettivo. La “Notte della Taranta” accenderà così Lecce e con il capoluogo simbolicamente tutta la provincia in una data altrettanto simbolica, il 14 agosto, mentre migliaia di turisti e salentini attenderanno Ferragosto nella città barocca, non solo lungo le spiagge di questa terra. Non sarà, già annunciano dalla Provincia, una tappa come le altre, perché vedrà sul palco l’Ensamble dell’Orchestra “La Notte della Taranta”, tutti i suoi interpreti, con un ospite d’eccezione, un big della musica nazionale che è partito dal Salento e dalla provincia di Lecce per toccare le vette della musica nazionale ed estera, senza dimenticare le radici. Mistero, ancora, sulla sua identità. “Per la città capoluogo, per la provincia intera, è un risultato importante – ha commentato il presidente Antonio Gabellone -; la notte di Ferragosto, con l’Orchestra della “Notte della Taranta” porteremo questa manifestazione in una cornice architettonica, storica, artistica di valore oramai internazionale; ecco, Piazza Sant’Oronzo, la capacità attrattiva che nel tempo ha acquisito Lecce, non può che sposare l’altrettanto riconosciuta capacità attrattiva internazionale dei suoni e delle contaminazioni culturali della Notte della Taranta”. “Anche quest’anno sosteniamo con convinzione il festival Notte della Taranta – ha aggiunto la vice presidente e assessore alla Cultura della Provincia di Lecce Simona Manca – credendo e impegnandoci anche nella realizzazione della tappa nel capoluogo salentino del festival itinerante”. “Il Festival Notte della Taranta, che ha ormai varcato confini nazionali e internazionali, andando oltre il territorio della Grecìa salentina, non può non tenere conto della città di Lecce”. Ed ha proseguito: “La Provincia di Lecce, su questo terreno, sta allargando decisamente il raggio d’azione e punta a qualcosa di stabile”. Il riferimento dell’assessora alla Cultura è al progetto “Suoni della memoria”, che mira a catalogare, conservare e valorizzare la tradizione popolare orale del Salento in un Archivio sonoro delle musiche popolari che troverà sede nella Biblioteca provinciale “Bernardini” a Lecce, grazie a un finanziamento ministeriale.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!