Imbarcazione perde il timone. Paura per due turisti

Santa Maria di Leuca. La coppia di nazionalità austriaca è rimasta a lungo in balìa delle onde, prima di essere tratta in salvo dalla Guardia costiera

SANTA MARIA DI LEUCA – Odissea a lieto fine per una coppia di turisti di nazionalità austriaca, di 66 e 63 anni. L'imbarcazione da diporto su cui viaggiava, diretta a Santa Maria di Leuca, a causa del distacco e della perdita del timone, è rimasta in balia delle onde in mezzo al mare a circa 30 miglia dalla costa (70 km circa), a ovest-sudovest del Capo di Leuca. La notizia era stata fornita telefonicamente alla sala operativa della Capitaneria di Porto di Gallipoli dal comandante di un'altra imbarcazioneche, trovandosi nei paraggi, aveva avvistato il fumogeno arancione attivato dagli occupanti per richiedere soccorso. Inizialmente gli stessi avevano tentato di ricostruire l’organo di governo con mezzi di fortuna ma il tentativo era stato infruttuoso. Così, per rispondere all’emergenza, è stata dirottata sul posto la motovedetta CP 886 dell’ufficio locale marittimo di Santa Maria di Leuca, che si trovava in mare per attività di controllo sulla sicurezza della navigazione. Le condizioni meteorologiche, che già non erano delle migliori, continuavano a peggiorare per via di una perturbazione che infatti, in breve tempo, ha investito la zona con forti raffiche di vento e temporali. Quando nel punto indicato è arrivato il mezzo di soccorso, l’imbarcazione è risultata alla deriva in balia del mare ed ingovernabile, mentre gli occupanti, apparentemente in discrete condizioni di salute, erano in stato confusionale. Un peschereccio della locale marineria ha provveduto a prendere a rimorchio, non senza difficoltà, l’imbarcazione ed a dirigere verso il porto di Santa Maria di Leuca. Il convoglio è giunto in porto solo nella tarda nottata di ieri sotto stretta e costante scorta della M/V CP886.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!