Guardie ecologiche volontarie. Al via i corsi

Lecce. L’intento della Provincia è collocarne una in ogni Comune salentino a tutela dell’ambiente

LECCE – Sui “banchi” per diventare Gev. Prende il via, oggi, alle ore 10, nella sala conferenze della sede della Provincia di via Botti, il nuovo corso di formazione per 120 Guardie ecologiche volontarie (Gev). A salutare i partecipanti interverranno il presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone e l’assessore all’Attività venatoria Salvatore Perrone. Questo secondo corso, suddiviso di due moduli per complessive 90 ore, che segue la nomina delle prime 60 guardie, prelude alla creazione di una struttura provinciale deputata all’attuazione dei compiti attribuiti alle Province in materia di vigilanza ambientale. La guardia ecologica volontaria opera nel campo della vigilanza ecologica, della salvaguardia dell’ambiente e nella prevenzione degli incendi boschivi e protezione civile. E’ un agente di polizia amministrativa e pubblici ufficiali che, oltre a promuovere attività di informazione ambientale, ha il compito di verificare il rispetto delle leggi poste a tutela dell'ambiente. Tra le materie di studio: nozioni generali di biologia ed ecologia, principi di sviluppo sostenibile, pronto soccorso, flora e fauna del Salento, principi di micologia, cenni di pianificazione territoriale, educazione ambientale, inquinamento dell’aria, del suolo e dell'acqua, aree protette, nozioni di diritto penale e procedura penale, cenni sulla normativa ambientale e sulla legislazione venatoria. “Attraverso questo nuovo corso – ha spiegato il presidente della Provincia Antonio Gabellone – intendiamo formare delle efficaci ‘sentinelle’ del territorio, con l’ambizione di collocarne almeno una in ogni realtà comunale del nostro Salento”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment