Sentinelle del parco under 18

Gallipoli. 40 ragazzi dai 15 ai 17 anni provenienti da tutta Italia hanno animato il campo di volontariato ambientale di Legambiente

GALLIPOLI – Anche quest’anno una pattuglia di turisti un po’ speciali ha fatto tappa nel Salento. A basso impatto ed alta sensibilità, hanno ridotta impronta ecologica ed alta efficienza: sono i giovani turisti responsabili dei campi di volontariato ambientale di Legambiente. Il campo di volontariato under 18 Gallipoli 2011 ha coinvolto 40 ragazzi tra i 15 e i 17 anni provenienti da tutta Italia, da Brunico a Catania, e si è svolto dall’1 al 20 luglio. Finalità del campo è stata garantire la qualità e la sicurezza del parco naturale regionale Isola di Sant’Andrea Litorale di Punta Pizzo con azioni mirate alla pulizia e bonifica della costa e delle pinete, gestione dei punti di raccolta rifiuti, sensibilizzazione e comunicazione del regolamento provvisorio del Parco, prevenzione e sorveglianza antincendio boschivo (Aib), verifica delle infrastrutture e raccolta di dati rispetto alle opinioni e al grado di consapevolezza dei ragazzi. Tutto ciò è stato finalizzato alla realizzazione della convenzione fra Legambiente Gallipoli e Parco regionale e in particolare alla redazione del regolamento definitivo di gestione del parco. Scopo non meno importante del campo è stato far maturare ai giovani turisti un’esperienza significativa quanto ad autosufficienza, rapporti interpersonali, acquisizione del senso di responsabilità verso se stessi e verso gli altri, senso di solidarietà fra i partecipanti all’iniziativa, concretizzando la teoria in fatti riscontrabili e duraturi, sviluppando in particolar modo le tematiche della sostenibilità della tutela dell’ambiente, della biodiversità e dell’identità locale. Queste tematiche hanno investito la globalità dell’esperienza a partire dal regime alimentare – nel campo si beve solo acqua di rubinetto e si consumano, ogni volta che è possibile, prodotti a kilometri zero – fino alla mobilità con mezzi pubblici a piedi o in bicicletta. L’attività si è completata con visite ragionate ad alcuni centri storici, luoghi significativi ed eventi della provincia. Il campo, giunto alla sua decima edizione, si avvale della collaborazione di operatori economici nell’Area Parco, Camping Baia di Gallipoli e Ecoresort Le Sirenè, e contribuisce così a formare la comunità del Parco che contribuirà ad indirizzare in maniera condivisa il futuro del Parco di Gallipoli.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!