Da Napoli con capi contraffatti. Denunciati quattro senegalesi

Lecce. Gli strani movimenti della loro auto ha destato il sospetto dei finanzieri che vi hanno trovato più di 1.200 capi firmati ma non autentici

LECCE – I 1.280 capi ed accessori di abbigliamento avrebbero raggiunto le spiagge salentine e stuzzicato l’interesse dei tanti turisti. Ma la corsa dell’auto che li trasportava da Napoli è stata fermata troppo presto dalla Guardia di finanza di Lecce. Moncler, Dolce & Gabbana, Blauer, Luis Vuitton, Gucci ed altri marchi ancora; modelli all’ultimo grido, con un unico neo: tutti contraffatti. I finanzieri hanno sequestrato tutto il materiale. L’intervento è stato effettuato da una pattuglia in servizio di controllo economico del territorio, che ha bloccato la Seat con a bordo quattro senegalesi sulla strada statale Lecce/Brindisi all’uscita del Comune di Squinzano dopo aver notato che effettuava movimenti sospetti. L’operazione è proseguita con le perquisizioni domiciliari effettuate dai militari nei Comuni di Leverano e Nardò presso le tre residenze dei soggetti fermati. In due di queste sono stati rinvenuti e sequestrati altri 61 capi ed accessori di abbigliamento e 19 orologi tutti risultati contraffatti. Tutta la merce sequestrata è destinata alla confisca ed alla successiva distruzione. I quattro responsabili sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria per contraffazione e ricettazione. Dall’inizio dell’anno ad oggi, nel settore della contraffazione, la Guardia di Finanza di Lecce ha eseguito 136 interventi, sottoposto a sequestro oltre 16mila articoli contraffatti, arrestato una persona e denunciato a piede libero 64 soggetti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment