Caselli sud est: tutti in rete

Lecce. L’associazione Pepenero ha vinto il bando Prinvipiattivi per la riqualificazione dei caselli Sudest nel Salento

Disseminati su tutto il territorio regionale, spesso oggetto di atti vandalici e ricovero per senzatetto e randagi. Da oggi i caselli delle ferrovie Sud-est entreranno ‘in rete’, quella costruita ad hoc dall’associazione Pepenero, vincitrice del bando Principi attivi della Regione Puglia. Pepenero infatti intende creare un network sinergico di attori culturali, sociali ed economici per valorizzare i caselli delle FSE nel Salento, bene comune e patrimonio da riqualificare, per una promozione sostenibile di lungo periodo. I caselli, già in parte assegnati ad associazioni, saranno nodi aggreganti di una rete di realtà locali da promuovere attraverso iniziative, attività e servizi da realizzare in una logica di networking. Un’opportunità per incoraggiare un turismo culturale destagionalizzato e connesso con la rete dei servizi turistici e di offerta culturale presente su scala locale. La Rete intende rafforzare la comunità dei Caselli attraverso una piattaforma web 2.0 che faciliti la promozione e la comunicazione delle attività connesse ai caselli, e attivando iniziative orizzontali di animazione sociale e promozione culturale, che tengano conto di modalità specifiche di produrre e proporre prodotti culturali differenti. PepeNero, associazione di promozione sociale, si propone di diventare nel territorio pugliese aggregatore di esperienze, progettualità e buone pratiche legate alla promozione territoriale integrata su scala regionale, nazionale e transnazionale attivando sinergie con differenti stakeholders presenti sul territorio. L’associazione si propone di organizzare, promuovere e sostenere iniziative che attivino processi partecipativi di cittadinanza attiva sul recupero e la valorizzazione delle specificità territoriali. Con i Partner (Ferrovie del Sud Est, Provincia di Lecce, Comune di Corigliano d’Otranto, Comune di Melpignano, Comune di Novoli, Comune di San Cesareo, Casello13, Industrie Culturali del Salento, SUM, Sud eStream, Stazione di Posta, Ampiamente, Protocaos, IdeNT.it, Urka, Amaltea Edizioni, A.I.S.A.F. onlus, La Corte Naturale, Zero Al Cubo), soggetti chiave del progetto, si intende costruire una comunità di pratiche che sappia lavorare in rete. La Rete dei caselli Sud Est vuole facilitare, processi bottom up di co-promozione e co-produzione in grado di realizzare progetti di microeconomia sociale e della cultura, quali percorsi sostenibili di sviluppo locale nel lungo periodo. Oggi si terrà presso palazzo Adorno a Lecce la conferenza stampa di presentazione. Interverranno: Guglielmo Minervini, Assessore alle Infrastrutture e Mobilità Strategica della Regione Puglia; Simona Manca, Vicepresidente Provincia di Lecce; Annibale D’Elia, Coordinatore staff Bollenti Spiriti, Regione Puglia; Laura Perrone, Elisabetta Patera, Claudia Valentini, coordinamento Rete dei Caselli Sud Est.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment