Nuovi suoni con Petrameridie a Melpignano

Questa sera all'ex Convento degli Agostiniani esordisce una formazione musicale di grande spessore: Petrameridie

Nella splendida cornice dell'ex Convento degli Agostiniani a Melpignano, stasera prenderà corpo, sotto forma di concerto, uno dei progetti musicali più interessanti degli ultimi tempi. Il gruppo Petrameridie nasce da un’idea progettuale di Daniele Vigna e dall’incontro di musicisti, cantori e ricercatori provenienti da tutto il Salento: un incontro di esperienze musicali diverse che si fondono in un suono unico, dai tratti decisi e dall’armonia ricercata che al contempo riesce a rendere nuovo ogni brano tradizionale, mantenendo intatta la sua radice etnomusicale. Nuove sonorità nel rispetto della tradizione, quindi, per una formazione che è in grado di dare una svolta nel panorama della musica etnica legata al Salento. Uno dei punti forti è senz'altro l'insieme strumentistico, davvero originale: la voce, i flauti, le percussioni si fondono perfettamente con violoncello e chitarre per creare suggestioni sonore molto ricercate. I componenti di Petrameridie sono di prim'ordine: Maria Vittoria Antonazzo, Piero Balsamo, Gigi Marra e Patrizia Zacheo le voci caratteristiche, ognuna a suo modo, del gruppo. Poi Nico Berardi ai flauti, al charango e alla zampogna, Vito de Lorenzi alle tabla e tamburi a cornice, Pierre Dei Lazzaretti al violoncello, Bruno Galeone alla fisarmonica e Daniele Vigna alle chitarre acustiche e classiche. Un gruppo completo, quindi, che sicuramente, a partire da questa sera, ci saprà regalare degli ottimi momenti di musica. Non resta che ascoltarli.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment