Trasporti. Gabellone: ‘La Regione ci deve 4 milioni’

Lecce. I tagli nei finanziamenti regionali impongono la chiusura di alcuni servizi. La Provincia si è rivolta al Tar per recuperare ciò che le spetta

LECCE – La Regione taglia i finanziamenti per i trasporti nel Salento e la Provincia di Lecce, le cui casse sono già ridotte male, non riuscendo a sostenere le spese, è costretta a tagliare i servizi. Ed intanto a rivolgersi al Tar per recuperare quanto dovuto. E’ il succo della conferenza stampa che ha avuto luogo oggi a Palazzo Adorno, durante la quale Antonio Gabellone, presidente della Provincia, e l’assessore provinciale ai Trasporti Bruno Ciccarese, assieme al dirigente del Servizio Trasporti Luigi Tundo hanno sciorinato una serie di dati per dimostrare come, all’aumento dei tassi di Istat ed Iva, non sia corrisposto, negli anni, un adeguamento delle somme erogate da Via Capruzzi per il trasporto su gomma e rotaia. Risultato: un debito di circa 4 milioni di euro (per l’esattezza 3.979.554 euro). E veniamo ai calcoli: stando a quanto reso noto stamattina, la Provincia di Lecce “avanzerebbe” dalla Regione la cifra di 1.784.000 euro per adeguamento Istat dal 2006 al 2011 e la cifra di 2.194.000 euro per adeguamento Iva dal 2001 al 2010. Le già provate tasche provinciali non sarebbero dunque in grado di far fronte al “buco”. L’unica alternativa possibile è tagliare i servizi. Quali? “Disco in bus”, per esempio, il servizio di trasporto da e verso le discoteche salentine, che non è previsto per il prossimo anno e che costava – oneri pubblicitari inclusi – 64mila euro. Poca roba rispetto alla cifra da recuperare. Che rischi la vita anche “Salento in bus”? Nessuno l’ha detto, ma nessuno lo ha escluso. Intanto “Sentiamoci”, hanno chiesto gli amministratori provinciali a Guglielmo Minervini, assessore regionale ai Trasporti, proponendo un “tavolo di dialogo” per approfondire la questione. Il problema, allo stato dei fatti, resta. Ecco il documento reso pubblico in conferenza TRASPORTO PUBBLICO LOCALE AVANZI DALLA REGIONE

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment