Strada Lecce-Otranto. 31 milioni per partire

Il provvedimento è stato emesso da un commissario ad acta nominato dal Tar. Amati critica “l’inerte ministro Fitto”

Il primo tratto della strada regionale 8 Lecce-San Foca-Otranto è stato finanziato e dunque pare esser giunta finalmente a conclusione una storia lunga oltre 20 anni. Lo ha reso noto ieri l’assessore regionale ai Lavori pubblici Fabiano Amati che non ha risparmiato un commento sull’inerzia ed il disinteresse dimostrato per la questione dal ministero Raffaele Fitto. “Spiace solo – ha infatti dichiarato Amati – che il provvedimento sia stato emesso da un commissario ad acta, sostituendosi su ordine del giudice amministrativo al ministro Fitto, risultato prolungatamente inerte”. E’ stato infatti Claudio Solustri, commissario ad acta nominato dal Tar del Lazio, ad emettere ieri il provvedimento tanto atteso, per consegnare i lavori di realizzazione del primo tratto della strada regionale 8 Lecce-San Foca-Otranto. Le somme assegnate alla Puglia, pari a 31 milioni di euro, sono state prelevate dal fondo n. 8425 “Fondo per le aree sottoutilizzate”, e si aggiungono alle somme già disponibili di 24 milioni. “E' un peccato – ha dichiarato l'assessore Amati – che ogni buona notizia per la Puglia debba arrivare all'apice di pugnaci battaglie, pure nei casi in cui il potere di determinazione è nelle mani di un pugliese come il ministro Fitto. Sarebbe stato molto piacevole se oggi avessimo potuto scrivere un comunicato congiunto con il ministro per manifestare la nostra soddisfazione. Ma così ci va la vita ed anche questo volta dovremo fare a meno di condividere questo importante punto di avanzamento per i lavori stradali e per il lavoro che questi producono”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment