Poli-Pagliaro: ‘Regione Salento’

Lecce. Ieri la presidente di Io Sud ha illustrato il disegno di legge che presenterà al Senato il 20 luglio

LECCE – L’idea di una Regione Salento piace sempre di più e sembra prendere concretamente piede. Ora che anche Adriana Poli Bortone, fondatrice e presidente di “Io Sud”, strizza l’occhio a Paolo Pagliaro, presidente del movimento Regione Salento. Nel corso di una conferenza stampa, ieri la Poli ha illustrato la proposta del disegno di legge costituzionale che andrà a presentare al Senato il prossimo 20 luglio. Una richiesta di abbattimento dei costi della politica e della costituzione di nuove regioni. Il disegno Poli Bortone prevede la cancellazione delle Province e l'accorpamento dei Comuni inferiori ai 5mila abitanti, la riduzione del 50% dei parlamentari e la costituzione di Regioni nelle zone superiori al milione di abitanti: il Salento, la Romagna ed il Principato di Salerno. Proposte che piacciono a Paolo Pagliaro, presidente del movimento Regione Salento, il quale vede l’aumento del numero delle Regioni, con l’istituzione delle nuove, “un sostegno ad una maggiore centralità del territorio al fine di recepirne meglio le istanze e le problematiche”. Sarebbe, guardando in particolare al Salento, un modo per abbattere la macchina burocratica in un momento in cui il Paese Italia è fermo, visto che, ha specificato Pagliaro, “la Puglia è la Regione più lunga d’Europa”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!