Rapinatore sfortunato, riconosciuto dal tatuaggio

Trapani. Giuseppe Guido, 21 anni, è finito in manette per tentata rapina in due istituti di credito

TRAPANI – Armato di taglierino, si sarebbe introdotto in due diverse banche di Trapani con l’intento di rapinarle. Giuseppe Guido, leccese di 21 anni, è stato arrestato per tentata rapina aggravata multipla e porto illegale di arma da taglio. Ad incastrarlo il tatuaggio sul braccio comparso nelle immagini delle telecamere di videosorveglianza delle due banche, entrambe in corso Piersanti Mattarella. Il giovane si trovava in Sicilia da alcune settimane per lavoro: si era occupato del montaggio di alcune tensostrutture per una fiera campionaria. Indossando una parrucca e minacciando impiegati e clienti con taglierino, ha deciso di rapinare i due istituti di credito. Tentativi falliti. Infatti, temendo che i dipendenti avessero attivato il sistema di allarme, in entrambe le occasioni ha abbandonato l’intento, fuggendo a mani vuote. La polizia, alla quale sono state affidate le indagini, è riuscita però a risalire alla sua identità grazie alle immagini delle telecamere a circuito chiuso che avevano ripreso le fasi della tentata rapina. Oltre agli indumenti ritrovati a casa di Guido, rintracciato a Lecce, nel corso della perquisizione, ad incastrare definitivamente il giovane sarebbe stato il vistoso tatuaggio sul braccio.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!