‘Liberi di danzare’ oltre i limiti fisici

Tricase. Il galà di danza organizzato per domani dall’associazione Kitri. Trovare l’ostacolo e lavorare ad una coreografia che permette di superarlo

TRICASE – Appuntamento domani alle ore 21.30, in piazza Pisanelli a Tricase, con il galà di danza “Liberi di danzare“, evento realizzato dall’associazione Kitri in collaborazione con l'associazione “Diversamente in danza” di Lugagnano di Sona, in provincia di Verona, e con il Patrocinio della Regione Puglia, della Provincia di Lecce e della Città di Tricase. Un plauso all’evento è arrivato in particolare dalla vicepresidente ed assessore alla Cultura Simona Manca, che ho sottolineato che si tratta di “un’iniziativa che coniuga il mondo della cultura con quello della solidarietà in modo nuovo ed originale”. Anima del progetto è l’associazione culturale sportiva dilettantistica “Kitri”, che nasce con lo scopo e la voglia di promuovere eventi legati al mondo della Danza. Il Laboratorio Integrato che offre “Diversamente in danza” non è un corso di danza per persone disabili dove i soggetti abili aiutano nell’apprendimento; è piuttosto uno spazio dove la presenza di persone che sperimentano ogni giorno i propri limiti, permette di acquisire più facilmente la consapevolezza dell’ostacolo e di lavorare insieme alla ricerca di un passaggio coreografico per superarlo. Nella gestione e nell’organizzazione dell’evento le ballerine del sodalizio salentino hanno focalizzato l’attenzione sul concetto di solidarietà, in quanto, le venti ragazze di “Diversamente in Danza” saranno ospitate dalle ballerine dell’associazione Kitri.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!