Carabinieri e finanza. I numeri del week end

Un’attività congiunta per scongiurare la commissione di reati o le cosiddette stragi del sabato sera. Ecco l’attività dei due corpi a tutela dei cittadini

Un servizio straordinario di controllo del territorio è stato attuato dai carabinieri e dalla Guardia di Finanza di Lecce, su disposizione dei rispettivi comandanti provinciali, i colonnelli Maurizio Ferla e Patrizio Vezzoli, con l’obiettivo di prevenire e reprimere reati in genere e le cosiddette stragi del sabato sera. Sono state sottoposte a vigilanza continua numerose arterie della provincia sia fuori sia nei centri abitati, con particolare riguardo alle località di maggiore afflusso turistico per la prevenzione di condotte di guida “a rischio” da abuso di alcool e droga. Circa 200 militari, con l’ausilio di due unità cinofile, il cui contributo è stato prezioso per scovare lo stupefacente sequestrato, hanno attuato un articolato dispositivo, anche con posti di blocco, sottoponendo a controllo i soggetti sottoposti alle misure alternative alla carcerazione (arresti domiciliari) ed alle misure di prevenzione della sorveglianza speciale e di sicurezza. L’intera provincia è stata presidiata sin dalla serata del 9 luglio fino alle prime luci dell’alba del giorno successivo. Nel corso dell’attività sono state identificate e controllate 1295 persone a bordo di 803 mezzi e sono state elevate 135 contravvenzioni al codice della Strada (di cui cinque per guida in stato di ebbrezza), con 12 carte di circolazione e 24 patenti di guida ritirate (di cui tre per guida sotto l’effetto di stupefacenti) e due veicoli sequestrati. Tre persone sono state arrestate, una delle quali colta in flagranza di spaccio di stupefacenti e due in esecuzione di provvedimento dell’Autorità Giudiziaria; 15 persone sono state deferite in stato di libertà per guida in stato di ebbrezza da alcol o sotto l’effetto di stupefacenti, evasione dagli arresti domiciliari, videopoker abusivi e frode informatica. In tutto sono stati sequestrati circa 67 grammi di sostanze stupefacenti tra eroina, hashish e marijuana, ketamina, oltre a 16 spinelli già confezionati. Le perquisizioni personali e locali sono state in tutto 49; 38 i controlli effettuati presso esercizi commerciali; 154 le persone di interesse operativo controllate (arresti domiciliari, sorvegliati speciali e sottoposti a misure di sicurezza); dieci le masserie ed i casolari ispezionati; 27 le persone segnalate al prefetto per uso non terapeutico di sostanze stupefacenti. Particolarmente incisivi sono stati i controlli presso le discoteche sia della riviera adriatica dia di quella ionica. In Porto Cesareo e Torre Lapillo dai controlli agli esercizi pubblici (bar, pizzerie e gelaterie) sono stati scoperti 12 lavoratori in nero. I rispettivi titolari degli esercizi saranno segnalati anche per l’evasione contributiva che è in corso di quantificazione.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!