Narra la leggenda, ma è vero…

LA STORIA DELLA DOMENICA. “Sull’onda delle leggende del Salento”, il libro-documentario che accompagna il lettore-turista alla scoperta delle narrazioni popolari

Chi può dire che cosa è storia e che cosa leggenda? I confini tra le due spesso sono così sottili che anche la memoria si arrende e non sa riconoscere la differenza. Perché, in fondo, la leggenda che i nonni raccontano ai nipotini e che questi racconteranno, a loro volta, ai loro, non diventa forse una storia? Non è questo raccontare un rendere immortale il racconto? E, una volta che esso è dunque immortale, non è forse vero? Il Salento ha mille Comuni, mille borghi e mille rioni. Ognuno di essi ha leggende antiche da narrare. Antiche, perché note agli anziani del posto, e raccontate come verità assolute a chi è venuto dopo. Verità talmente credibili da diventare storie realmente accadute. “Sull’onda delle leggende del Salento” è un libro che riscopre le leggende che animano i luoghi salentini, dall’Adriatico allo Ionio. Un libro, di Chiara Rescio e Walter Stomeo dell’associazione Folkolore, che è un’opera multimediale ed è composta da un libro-guida con all’interno un documentario che raccoglie le leggende di mare della costa salentina. Partendo da Roca, sull’Adriatico, giungendo fino a Santa Caterina, sullo Jonio, passando per Otranto, Leuca, Gallipoli e per tutti quei luoghi che narrano ancora oggi una leggenda. Ogni leggenda è tra l’altro all’origine del nome del luogo in cui si racconta: Grotta della Poesia, Torre del Serpente, Grotta degli Innamorati, Grotta Zinzulusa, Punta Due Pietre, Isola della Fanciulla, Torre San Giovanni, Torre dell’Alto. Otto leggende per otto località della costa salentina. Roca, Otranto, Porto Badisco, Castro, Santa Maria di Leuca, Torre Pali, Gallipoli, Santa Caterina. Otto racconti da intrecciare, da far ripercorrere alle vive labbra degli abitanti del posto, che con quelle leggende convivono ogni giorno, dandole per vere. // Un lavoro in tre tempi Il lavoro che ha portato alla realizzazione del libro-documentario si è articolato in tre fasi. La prima ha riguardato la ricerca delle fonti documentarie di tutti i luoghi costieri che avessero ispirato una leggenda, attraverso lo studio delle pubblicazioni che raccolgono storie e leggende popolari. La seconda fase è stata quella della documentazione. Per questa è stato utilizzato il metodo della video-intervista, per rimanere quanto più possibile fedeli alle fonti. La terza fase, dedicata all’edizione: in questa fase è stata sviluppata una precisa sperimentazione visiva che evocasse le leggende: gli elementi reali come i luoghi sono stati rappresentati tramite fotografia; quelli legati alla leggenda, tramite illustrazione. // Sull’onda delle leggende del Salento 34 pagine illustrate + DVD multimediale di Walter Stomeo e Chiara Rescio, Folkolore Associazione Culturale Chiara Rescio – Illustrazioni e progettazione grafica; Walter Stomeo – Foto riprese post-produzione e montaggio; Antonio Traldi – Musiche originali; Valentino Curlante – Animazione Arca; A cura di FOLKOLORE Associazione Culturale // Folkolore Associazione CulturaleF ondata nel 2009 da Chiara Rescio e Walter Stomeo si occupa di ricerca, documentazione e valorizzazione della cultura popolare attraverso “L’ancora del tempo”, progetto vincitore di “Principi Attivi – Giovani Idee per una Puglia migliore”. Articolo correlato: Saliamo tutti sull'onda delle leggende del Salento

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!