Giustizia. In Puglia un Centro Servizi per il Mezzogiorno

Protocollo Regione Puglia-Ministero per lo sviluppo condiviso di servizi in materia di giustizia civile e penale

“Oggi abbiamo firmato un atto che va oltre i progetti che abbiamo realizzato sinora ed è un accordo generale sul fatto di poter immaginare in Puglia la nascita di un Centro servizi per la giustizia per tutto il Mezzogiorno d’Italia”. Lo ha dichiarato il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola a margine della sottoscrizione del protocollo d’intesa tra Regione Puglia e Ministero della Giustizia per la digitalizzazione e il miglioramento dell’organizzazione amministrativa degli uffici giudiziari del territorio. “Un centro servizi – ha proseguito Vendola – di propagazione di buone pratiche e di organizzazione centrale di tutti i processi di innovazione tecnologica nell’ambito della Giustizia. Su questo la Regione Puglia intende fare sino in fondo la propria parte”. “Da una parte – ha spiegato– avvieremo una cabina di regia, di raccordo con tutti gli attori importanti di questo processo, come le Università e il sistema d’impresa, dall’altro, la Puglia contribuirà finanziariamente a questo progetto nella consapevolezza che la giustizia è un grande servizio nei confronti dei cittadini”. Il protocollo sottoscritto prevede azioni congiunte da parte della Regione Puglia e del Ministero della Giustizia per lo sviluppo condiviso di servizi in materia di giustizia civile e penale per i cittadini e le imprese, anche tramite infrastrutture e strumenti messi a disposizione dai soggetti firmatari, con il fine di ridurre i tempi di gestione dei processi ai livelli minimi imposti dai vincoli procedurali e di migliorare la qualità del servizio di amministrazione della giustizia erogato dagli Uffici Giudiziari nel territorio pugliese. L’intesa segue altri due iniziative di collaborazione ([email protected] e Gnosis) nel settore penale che sono in corso di diffusione. Gli obiettivi dell’intesa sono: realizzare iniziative comuni nel settore della giustizia a valere sul territorio regionale e nazionale nei confronti dei cittadini e delle imprese; sviluppare servizi telematici tesi ad innovare in maniera sostitutiva procedimenti amministrativi e giudiziari in una logica di semplificazione e riduzione del carico burocratico (includendo in questo obiettivo il sistema degli enti locali), e realizzare una maggiore efficacia e trasparenza dell’azione pubblica secondo una logica di qualità del servizio offerto al cittadino, impegnandosi a sostenere innovazioni tecnologiche anche con la sperimentazione di nuovi modelli organizzativi del lavoro finalizzati al supporto dell’attività giurisdizionale per una sua maggiore efficacia e più celere tempistica.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!