Paola Povero: “S. Pio dimenticato”

Lecce. La consigliera comunale si fa portavoce del malcontento dei cittadini dell’antico quartiere

La consigliera comunale del Pd, Paola Povero, raccoglie il disagio vissuto quotidianamente dai cittadini che vivono nello storico quartiere popolare S. Pio, che prende il nome dall’omonima chiesa. “Costoro –dice la Povero – lamentano che quando si parla di riqualificazione ci si occupa sempre di quella zona del quartiere, adiacente alla chiesa S. Maria della Porta nelle vicinanze di viale Taranto, di per sé già sufficientemente qualificata. Quando invece accadono fatti di cronaca nera si fa riferimento, anche con immagini su giornali e tv locali, alle case popolari di via Trento, via Trieste etc., zona che continua a rimanere tagliata fuori da ogni progetto di riqualificazione. In quanto all'apertura del varco di collegamento tra via Bonifacio e via Pozzuolo, gli stessi residenti ribadiscono che a suo tempo, quando si posero le “cancellate” fecero presente che lo sbarramento era inutile e dannoso alla circolazione. Quello che si fa oggi, quindi, è soltanto spendere il denaro dei contribuenti per riparare a quell'errore, come già accaduto per il viale dell'Università, in corrispondenza del Liceo Palmieri. Resta il fatto che S. Pio rimane un quartiere abbandonato al degrado, nonostante i ripetuti proclami dell'Amministrazione comunale”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!