Centro Ilma, bando per i lavori

Gallipoli. Al via la gara di appalto per la costruzione del primo stralcio del Centro Ilma, per prevenire e curare i tumori

Sarà una vera e propria “cittadella” della prevenzione e riabilitazione, della ricerca e della solidarietà. Alle porte di Gallipoli. Il Centro “ILMA”, dedicato alla memoria di una socia fondatrice della LILT di Lecce, scomparsa alcuni anni fa a causa di un cancro, ideato e voluto dalla Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori (LILT) – Sezione provinciale di Lecce, presieduta dall'oncologo Giuseppe Serravezza, a breve avvierà i lavori di costruzione del primo stralcio. Infatti la Lilt ha annunciato l'apertura del bando per la partecipazione alla gara d’appalto per i lavori di costruzione del Centro “ILMA” (1° stralcio). Grazie all’impegno volontario ed alla concreta solidarietà di tanti professionisti e cittadini dunque, si entra nella fase operativa di realizzazione della struttura, dopo i primi lavori, già effettuati, di recinzione muraria dell’area dove sorgerà il complesso (S.P. Gallipoli – Alezio). Il progetto prevede per la prima volta la coesistenza, in un unico complesso, di un Centro Ricerche, con Biblioteca pubblica e strutture didattiche, di un Auditorium, di un Centro di Prevenzione Clinica e di Riabilitazione del malato oncologico, e di un Hospice per malati terminali. E’ un’idea assolutamente innovativa, ai fini di una moderna ed efficace lotta ai tumori nel nostro territorio. Tutto ciò che precede e segue il momento della terapia (Educazione Sanitaria, Ricerca, Prevenzione, Riabilitazione e Assistenza ai pazienti terminali) troverà nel Centro un punto di riferimento. Le Imprese che intendono manifestare il proprio interesse a partecipare al bando potranno visionare i relativi documenti, sul sito della LILT di Lecce (www.legatumorilecce.org).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!