Brucia l’auto del fratello. In carcere

Supersano. Prima ha danneggiato finestrino e sedile anteriore. Poi ha completamente distrutto la vettura dandola alle fiamme

SUPERSANO – Attorno alle ore 2.00 della scorsa notte, ha cosparso liquido infiammabile su una Opel Corsa e la ha dato fuoco. E’ accaduto a Supersano, in pieno centro abitato. Il responsabile dell’atto vandalico è Tommaso Gatto, 40enne di Supersano, subito tratto in arresto dai carabinieri di Ruffano e dell’Aliquota di Casarano. Gli accertamenti dei militari hanno permesso di scoprire che l’auto, andata completamente distrutta dalle fiamme, era di proprietà del fratello 41enne di Gatto. A domare l’incendio hanno pensato i vigili del fuoco del distaccamento di Maglie. I militari hanno scoperto che già alcune ore prima di appiccare l’incendio vero e proprio, l’uomo aveva danneggiato la macchina anche se in maniera lieve, rompendo il finestrino del guidatore e bruciando il sedile anteriore sinistro. Ma perché l’uomo avrebbe volutamente danneggiato e poi definitivamente distrutto la vettura del fratello? Dai primi accertamenti, sembrerebbe che gli eventi sarebbero riconducibili a dissidi pregressi fra i due fratelli. L’arrestato è stato condotto presso il carcere di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!