Santa Croce. Perrone chiede aiuto alla Regione

Lecce. Il caso intanto approderà venerdì mattina a Palazzo Carafa e poi in conferenza dei servizi il 29 giugno

LECCE – Un aiuto economico dalla Regione per salvare Santa Croce. E’ quanto ha chiesto ieri mattina il sindaco di Lecce, Paolo Perrone a margine del tavolo tecnico di attuazione del programma stralcio di interventi di Area Vasta. L’incontro è stato l’occasione per redigere una mappatura completa delle criticità emerse fino ad oggi ed effettuare un monitoraggio complessivo del Piano. A margine di questo incontro il primo cittadino leccese ha avanzato una richiesta di una dotazione finanziaria per effettuare interventi immediati a salvaguardia della basilica di S. Croce di Lecce, oggetto nei giorni scorsi di piccoli crolli dalla facciata. I dirigenti si sono riservati di verificare se esista o meno una disponibilità in tal senso. Il primo cittadino ha pertanto deciso di trasferire questa richiesta direttamente alla cabina di regia dell’Area Vasta di Lecce, già convocata per domani alle ore 9 a Palazzo Carafa. “Mi auguro – ha dichiarato Perrone – che la Regione Puglia possa darci una mano riuscendo ad individuare le risorse necessarie per risolvere questo problema e restituire alla città e al mondo intero questo splendido monumento in tutta la sua straordinaria bellezza. Aspettiamo una risposta rassicurante, a questo proposito, dal tavolo tecnico della Conferenza dei Servizi, da me convocata per il prossimo 29 giugno”. 18/06/2011 SOS Santa Croce LECCE – Una Conferenza dei Servizi sulla Chiesa di S. Croce è stata convocata dal sindaco di Lecce, Paolo Perrone per mercoledì 29 giugno, alle ore 11, a Palazzo Carafa. Oltre al primo cittadino leccese, attorno allo stesso tavolo si ritroveranno rappresentanti della Regione puglia, della Provincia di Lecce, della Sovrintendenza ai Beni Artistici e Architettonici della Regione Puglia e della Diocesi di Lecce. Sarà l’occasione per fare il punto della situazione e adottare i relativi provvedimenti in ordine al recupero di uno dei gioielli del Barocco leccese, dopo che nei giorni scorsi si sono verificati alcuni piccoli crolli dalla Basilica. “E’ necessario – spiega Perrone – trovare al più presto i giusti rimedi per salvaguardare una delle testimonianze storiche più belle di Lecce e tra le più belle del nostro Paese. Auspico un’azione sinergica e di coordinamento tra tutti i soggetti interessati per individuare il percorso migliore e più celere al fine di restituire alla città questo splendido monumento in tutta la sua straordinaria bellezza”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!