Fotovoltaico. Via i sigilli dall’impianto

Corigliano d’Otranto. Il dissequestro è stato disposto dalla Giudice Donatina Buffelli, secondo la quale non ci sarebbero state irregolarità nella costruzione della struttura

CORIGLIANO D’OTRANTO – E’ stato dissequestrato dalla giudice Donatina Buffelli il parco fotovoltaico “Meatiri” di Corigliano d’Otranto. L'impianto era stato sequestrato dai carabinieri e finanzieri lo scorso 1 giugno, in seguito a controlli sui documenti realizzati alcuni giorni prima, perché si riteneva fosse stato realizzato in difformità con quanto previsto nella Dia, la dichiarazione di inizio attività, presentata nel 2008 e, quindi, prima della pronuncia della Corte Costituzionale che ha anato la legge regionale ed ha allineato la questione ai parametri nazionali. L’impianto di proprietà dell'Urbe Solar e costruito dalla Tecno Lights di Soleto era entrato in funzione una settimana prima del sequestro ed ha una potenza di 966,40 kilowatt. L'avvocato delle due aziende, Giovanni Cerullo, ha dichiarato “di aver sempre avuto fiducia nell'azione della magistratura, ed ora con l'ordinanza di dissequestro, che è avvenuta in tempi brevi, si ritiene soddisfatto della fiducia accordata.” 20/05/2011 Fotovoltaico. Blitz di carabinieri e finanzieri al Comune CORIGLIANO D’OTRANTO – Blitz congiunto di carabinieri e Guardia di finanza negli Uffici del Comune di Corigliano d’Otranto. I militari hanno acquisito la documentazione relativa agli impianti fotovoltaico sotto il megawatt che sorgono o sono in fase di realizzazione del territorio comunale. Numerosi faldoni che poi i due Corpi si sono suddivisi sulla base delle proprie competenze. Non si conoscono i dettagli dell’operazione ma pare che si tratti di controlli di routine. Così ha dichiarato anche la sindaca Ada Fiore, cha ha voluto rassicurare sulla correttezza delle procedure da parte del Comune, ricordando coma Corigliano sia stato il primo Comune a redigere un regolamento per limitare il proliferare di impianti energetici. Ma che cosa cercano i militari nelle carte prelevate dal Comune? Cercano le concessioni, i pareri tecnici e ambientali, le autorizzazioni relative, per valutarne la regolarità e soprattutto per verificare la conformità del realizzato rispetto al progetto presentato.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!