Universitari, via ai progetti

Lecce. Il sindaco ha incontrato i rappresentanti studenteschi per accogliere idee e proposte per l’Avviso pubblico della Presidenza del Consiglio dei Ministri e dell’Anci

LECCE – Un incontro si è svolto ieri mattina nella sala giunta di Palazzo Carafa tra il sindaco di Lecce, Paolo Perrone, il consigliere delegato ai rapporti con l’Università Antonio Pellegrino, il consulente del sindaco Francesco Natale, il presidente della cooperativa Lecce città universitaria, Alessandro Delli Noci e i rappresentanti delle associazioni studentesche universitarie (Udu, Obiettivo Studenti, Progetto Universitas, La Sveglia , L.I.S.A.). Al centro del confronto l’avviso pubblico relativo al finanziamento di progetti relativi a Servizi in favore degli studenti universitari. Il bando, promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dall’Anci, punta ad accogliere idee progettuali da parte degli stessi attori coinvolti nel progetto. Non a caso il primo cittadino ha voluto chiamare attorno allo stesso tavolo tutte i rappresentanti degli studenti universitari per costruire assieme un percorso idoneo ed efficace per Lecce Città Universitaria. Saranno gli stessi studenti, infatti, ad offrire idee e progetti al fine di tagliare questo ambizioso traguardo confermando Lecce quale capitale delle città universitarie. “Questo è un progetto – spiega il sindaco Paolo Perrone – al quale abbiamo creduto sin dal nostro insediamento. Stiamo dimostrando con i fatti che abbiamo piena fiducia nelle potenzialità e nella creatività dei giovani. A loro affidiamo la speranza di un forte cambiamento capace di rilanciare la città a livello nazionale e internazionale sul piano culturale e sociale”. Numerosi gli ambiti di intervento delle iniziative progettuali che potranno essere ammessi a finanziamento: cittadinanza studentesca, problema alloggi, spazi e strutture per lo studio, interventi nel campo dei trasporti, della cultura, dello sport, servizi in rete per gli studenti, servizi rivolti alle studentesse-madri, servizi rivolti agli studenti disabili, accoglienza degli studenti stranieri.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!