Buona notte (bianca) in masseria

L’assessore Stefàno: “E.coli? Venite a gustare la qualità dei prodotti di Puglia“

Tutto pronto per Masserie sotto le stelle, la prima notte bianca nelle masserie didattiche pugliesi, che stasera a partire dalle ore 18.00 accoglierà curiosi, turisti, enoappassionati, amanti della cultura rurale, famiglie, giovani e bambini nei luoghi simbolo della tradizione contadina pugliese. Ce ne sarà per tutti gusti, con un centinaio di laboratori didattici diversi organizzati dalle Masserie didattiche riconosciute dalla Regione Puglia. Si potrà per esempio imparare come dal lardo di maiale nero si può produrre dell’ottimo sapone, costruire un telaio artigianale, mungere e produrre il formaggio, riconoscere le piante officinali della macchia mediterranea, imparare a ricamare, fare un corso di cucina attiva, o iniziare a muovere i primi passi di pizzica al suono del tamburello. Difficile poterli elencare tutti, sul sito www.masseriesottolestelle è possibile scaricare il programma completo, con i numeri di telefono delle Masserie a cui si consiglia di chiamare per prenotare, per ragioni organizzative, visto l’interesse suscitato dall’iniziativa. “Sono molto felice per la creatività messa in campo dagli imprenditori agricoli – ha detto l’assessore regionale alle Risorse agroalimentari Dario Stefàno –; sarà una bella festa all’insegna della socialità, come avveniva un tempo quando familiari, amici e parenti si riunivano per festeggiare il raccolto o uno di quegli avvenimenti che scandivano la vita sociale delle nostre comunità rurali. Una opportunità in più per promuovere il bagaglio di valori della tradizione pugliese, che assumono una straordinaria contemporaneità. All’ennesimo episodio di E.coli, allora, la Puglia risponde con la sicurezza e la qualità del suo agroalimentare: un invito in più a gustare la carne, gli ortaggi e tutti i prodotti che domani sera saranno protagonisti delle degustazioni, delle cene contadine e delle grigliate, organizzate sotto le stelle”. Una festa, dunque, che dopo i laboratori pomeridiani proseguirà sino a tarda sera con tanti appuntamenti diversi: c’è chi propone la visita notturna al bosco, le passeggiate a cavallo o in carrozza, osservazioni astronomiche, chi ha pensato ad una serata in tema medievale ispirata a Federico II e chi ha allestito una cena con tanto di giallo da risolvere. Non poteva mancare la musica per il legame che esprime con la cultura contadina: pizzica, tamburelli e canti di lavoro in grico nel Salento o salendo la tarantella garganica e chi coinvolgerà gli ospiti al ritmo delle cupa-cupa, delle nacchere, dello “sciadavajazz” e del “traccabballack”. // Le Masserie didattiche dove si svolgerà la notte bianca Grande Salento Fattoria Il Noce – Manduria (Ta); Tripoli – Castellaneta Marina (Ta); Del Duca – Crispiano (Ta); Morrone – Ostuni (Br); Triticum – Francavilla Fontana (Br); Fatalò – Cavallino (Le); Gli Ulivi – Tricase (Le); Sant'Angelo – Corigliano D'Otranto (Le); Lu Pirazzu – Galatina (Le); La Torre – Corigliano D'Otranto (Le); San Biagio – Melendugno (Le) Bari – Bat Coppa – Ruvo Di Puglia (Ba); Polvino – Ruvo Di Puglia (Ba); Madonna Dell'Assunta – Altamura (Ba); Losurdo – Altamura (Ba) Redenta – Altamura (Ba); Amicizia – Cassano Murge (Ba); Ruotolo – Cassano Murge (Ba); Chimienti – Cassano Murge (Ba); Perrini – Alberobello (Ba); Bioagricola Marchesana – Gioia Del Colle (Ba); Querceta – Putignano (Ba); Montepaolo – Conversano (Ba); Sant'Angelo – Gravina (Ba); Sei Carri – Andria (Bat); Terre Di Traiano – Andria (Bat); Cefalicchio – Canosa Di Puglia (Bat); San Vincenzo – Spinazzola (Bat) Foggia Albano – Foggia; Salecchia – Bovino (Fg); Fattoria Rovello – San Paolo Di Civitate (Fg); Pacilli – Ischitella (Fg); Macchione – Deliceto (Fg); Falcare -Cagnano Varano (Fg); Posta Guevara – Orsara Di Puglia (Fg); Normanno – Segezie (Fg); Fiorentino – Torremaggiore (Fg); Avellaneta – San Marco La Catola (Fg); La Cerasola – Monteleone Di Puglia (Fg); Monte Preisi – Orsara Di Puglia (Fg); Emmaus – Foggia (Fg); Giardino Degli Ulivi –Trinitapoli (Fg) 11/06/2011 Masserie sotto le stelle. La prima notte bianca in campagna Si svolgerà la sera del 18 giugno “Masserie sotto le stelle”, la prima notte bianca rurale che concentrerà attività ed iniziative nel cuore della campagna pugliese, dal Salento alle Murge. Un evento organizzato dall’assessorato alle Risorse agroalimentari in collaborazione con l’assessorato al Mediterraneo, Cultura e Turismo della Regione Puglia, che coinvolge la Rete delle Masserie didattiche istituite e riconosciute con l.r n.2 del 26 febbraio 2008, quale occasione per promuovere le attività svolte quotidianamente dalle Masserie didattiche, considerati dei veri e propri musei viventi della civiltà contadina. “Luoghi – sottolinea l’assessore alle Risorse agroalimentari Dario Stefàno – dove si impara a riappropriarsi delle tradizioni, dei saperi e dei sapori, dei valori che hanno scritto la storia delle comunità pugliesi e che oggi rappresentano un bacino inestimabile di opportunità per il futuro della Puglia. Le masserie didattiche ci aiutano a diffondere la Dieta mediterranea, che è nel dna della tradizione alimentare e gastronomica della Puglia: all’agricoltura si attribuisce, così, un ruolo pedagogico, attraverso la promozione dei valori legati all’ambiente, all’alimentazione sana e consapevole, alla stessa agricoltura ed allo spazio rurale. Ma rappresentano, anche, uno strumento moderno ed efficace per la diffusione e la promozione della qualità dell’agroalimentare pugliese, dei prodotti tipici e della nostra enogastronomia che rappresentano anche il valore aggiunto della offerta turistica pugliese”. A tale scopo nel week end del 18 giugno, in concomitanza con la Notte bianca, è stato organizzato un press tour alla scoperta delle bellezze, dei paesaggi e delle tipicità della Puglia rurale. “Con l’istituzione della Rete delle Masserie Didattiche – aggiunge l’assessore al Turismo Silvia Godelli – la Regione Puglia ha voluto affermare e potenziare uno strumento educativo che favorisce la formazione di consumatori e turisti informati e rispettosi dell’ambiente. Masserie sotto le Stelle è una notte di festa alla scoperta dei prodotti tipici, dei vini profumati, della poesia dei rosati, e che inaugura in grande stile la lunga serie di eventi culturali della stagione estiva per la quale è previsto un aumento degli arrivi turistici di 3-4 punti percentuali. La notte bianca in Masseria diventa un’ulteriore chiave per scoprire il territorio, approfondire l’osservazione e la conoscenza della realtà viva delle aziende agricole pugliesi e dell’ambiente rurale in cui queste operano”. L’evento Masserie sotto le stelle è solo un primo assaggio dell’estate pugliese alle porte, una serata da trascorrere alla scoperta del fascino dei luoghi rurali, delle tradizioni e della bontà dei sapori pugliesi. A partire dalle 18.00 ogni Masseria didattica proporrà in contemporanea un programma diverso con numerosi laboratori didattici per grandi e piccini: da quelli del pane, a quelli del formaggio, della lana, o del miele, alla scoperta degli animali di basso cortile o delle antiche usanze contadine, con la possibilità di assistere e partecipare alla mungitura delle mucche o alla tosatura delle pecore, di adottare e piantare una piantina, di fare una passeggiata a cavallo lungo i poderi o di costruire strumenti musicali partendo da materiale di riciclo. Sono solo alcuni dei percorsi didattici proposti dalle Masserie didattiche che arricchiranno la serata con spettacoli musicali, canti e balli, racconti popolari, mostre fotografiche, osservazioni astronomiche, cene e degustazioni a base di prodotti tipici pugliesi e dei piatti della tradizione contadina. Sul sito www.masseriesottolestelle.it il programma completo di tutte le strutture da scaricare per scegliere dove e come trascorrere la prima notte bianca nelle masserie didattiche pugliesi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!