Motoscafo con 31 clandestini. Arrestato scafista

SANTA MARIA DI LEUCA – Durante la notte appena trascorsa, i militari della Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Lecce, del Reparto Operativo Aeronavale di Bari e del Gruppo Aeronavale di Taranto, hanno individuato, inseguito e fermato, a 5 miglia a largo di Leuca, un’imbarcazione con a bordo, stipati sottocoperta, 31 migranti clandestini di varie etnie. Il dispositivo aeronavale era già attivato per un avvistamento sospetto nel Mar Ionio operato da un aereo della Capitaneria di Porto. Il natante, un motoscafo di circa 10 metri, privo di bandiera, ma con compartimento “Amsterdam”, scortato dalle unità navali della Guardia di Finanza, è stato condotto nel porto di Otranto ove le Fiamme Gialle hanno proceduto al sequestro dello stesso ed all’arresto degli scafisti di nazionalità Turca. I 31 cittadini extracomunitari, di cui sei minorenni, sono stati trasferiti presso il centro “Don Antonino Bello” di Otranto, dove sono state prestate le necessarie cure sanitarie e rifocillati. Sono in corso di svolgimento da parte dei Finanzieri del comparto aeronavale, in collaborazione con i Baschi Verdi del Comando Provinciale di Lecce, le conseguenti rituali procedure di identificazione. L’attività di servizio è stata svolta anche nell’ambito dell’operazione congiunta “Aeneas 2011”, condotta, al pari dell’operazione “Ermes” di Lampedusa, dall’Agenzia Europea per la gestione della cooperazione operativa alle frontiere esterne degli Stati membri dell’Unione Europea (Frontex, che vede il coinvolgimento dei mezzi aeronavali della Guardia di Finanza, della Capitaneria di Porto e di altri paesi europei, al fine di contrastare i flussi migratori clandestini provenienti dalle coste della Turchia e della Grecia e diretti verso il litorale pugliese e calabrese.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!