Un rinnovato appello a fare giustizia

Pubblichiamo di seguito la lettera del comitato civico “Io Conto”

Oggi più di sempre Ugento ha bisogno di verità, perché questa totale mancanza di certezze ha talmente intaccato e sgretolato la pace sociale di una comunità che con tutti i suoi difetti era da considerarsi “tranquilla nel suo normale perbenismo”. Il tragico episodio ha demolito questa “tranquillità” dividendola irrimediabilmente, portando una tale disgregazione da arrivare a stare guardinghi gli uni dagli altri. Non possiamo permettere tutto ciò per una comunità che può e deve tornare ad essere serena e laboriosa con tutte le normali contraddizioni proprie di una comunità. Non possiamo permettere che pochi che sanno e non parlano tengano al palo gli Ugentini e gli inquirenti che nonostante tutto il loro lavoro ancora non hanno raggiunto l’obiettivo di fare giustizia. Non possiamo permettere che vecchi rancori e vendette personali, nell’ambito parrocchiale oltre che negli ambienti della politica e della chiesa locale vengano fuori sfruttando questa tragica “occasione” per fare condannare un uomo, don Stefano Rocca, che ha semplicemente avuto la colpa di avere fatto il suo dovere: implorare “Chi sa parli” mentre gli altri chiedevano pubblicamente “silenzio”. Non possiamo permettere che continui volgarmente e vergognosamente una speculazione politica sulla vicenda di Peppino Basile, che è venuta finalmente allo scoperto nell’ultima tornata elettorale in occasione delle Amministrative locali, proprio da parte del suo partito e dal sedicente suo unico rappresentante locale. Non permettiamo a nessuno di additarci come coloro che stando al fianco di don Stefano Rocca e rivendicando verità e giustizia hanno diviso il paese. Ecco allora che si fa più forte l’appello alla giustizia rivolto soprattutto a chi è preposto a questo, alla magistratura e alle forze dell’ordine: non accontentatevi di quello che avete fatto fino ad oggi, ricominciate daccapo, non abbandonate questa comunità all’incertezza e alla paura e soprattutto fate in modo che trionfi la giustizia e non l’impunità. Noi non ci daremo pace e non daremo tregua a nessuno finché giustizia e verità non trionferanno.

Comitato civico Io conto

 

 

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!