Impossibile dimenticare

Una data che rimarrà a lungo nella memoria storica degli ugentini e dei salentini. In questo giorno, infatti, ricorre l’anniversario della morte del Consigliere Provinciale e comunale dell’Idv Peppino Basile, il terzo anniversario. Il Consigliere provinciale e comunale dell’Italia dei Valori Gianfranco Coppola, tutti gli iscritti del Circolo Idv di Ugento-Gemini, il coordinatore provinciale Francesco D’Agata, ricordano Peppino Basile, brutalmente assassinato nella notte tra il 14 -15 giugno 2008 con 19 coltellate. Lo ricordano in quanto amico, e per l’Amore che sapeva dare alla sua terra. Per l’altissimo senso della Legalità e per una Vita spesa al sostegno dei più deboli come fondamenti della sua attività politica. Questi sentimenti condivisi hanno determinato sin dal giorno dopo la sua scomparsa la nascita di un movimento territoriale che è stato denominato “Comitato Pro-Basile” che tra le sue prerogative si è prefissato il compito di sensibilizzazione delle coscienze ed il cui prezioso lavoro è portato avanti dagli amici storici di Peppino, e continua ad essere composto dagli attivisti Gianfranco Coppola, Giovanni D’Agata, Martino Esposito, Giuseppe Mauro, Mino Brogna, Donato Urso, Tiziano Colitti, Biagio Bocco e circa un centinaio di altri aderenti, per continuare a mantenere vivo il ricordo dell’esperienza di vita di Peppino Basile e per perpetrarne l’attività politica sul territorio. Mercoledì 15 giugno verrà commemorato presso la chiesa San Giovanni Bosco ad Ugento per poi portarsi al cimitero dove verrà depositata una corona di fiori. Si preannuncia che su richiesta del Presidente Antonio Di Pietro, il quale è stato impegnato nelle recenti campagne elettorali e referendarie, una grande manifestazione che si terrà nel prossimo settembre dal titolo “Per non dimenticare” con la partecipazione dei massimi esponenti nazionali e territoriali di Italia dei Valori.

Comitato Pro Basile

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!