Movida a Baia Verde: il 16 la decisione del Tar

Il 9 giugno scorso, il Tar di Lecce ha respinto l'istanza di misure cautelari ai danni dello stabilimento balneare Lido Baia Verde. Il 16 giugno ci sarà la sentenza.

Il 9 giugno scorso, il Tar di Lecce ha pronunciato un decreto sul ricorso della Società Cooperativa Canneto 79 contro il Comune di Gallipoli e il Ministero della Difesa e ha respinto l'istanza di misure cautelari ai danni dello stabilimento balneare Lido Baia Verde. La storia risale al 2010, quando, dopo un sopralluogo dei Carabinieri, il Comune di Gallipoli aveva sospeso le serate di musica del Kudetà, versione notturna del Lido Baia Verde. Quest'ultimo aveva promosso quindi un ricorso al Tar, impugnando il provvedimento comunale. Era il mese di ottobre, l'estate si era da poco conclusa e l'amministrazione stabilì che la sospensione dell'attività sarebbe dovuta avvenire nella stagione successiva. Poi, 45 giorni fa, il Comune ha stabilito e notificato alla proprietà del Lido che i giorni di chiusura sarebbero stati dal 21 al 25 giugno prossimi. L'udienza nel merito è stata fissata al 16 giugno. “Così – spiega l'avvocato Nicola Flascassovitti che rappresenta la Società Cooperativa Canneto 79 – ha rigettato il nostro ricorso aggiuntivo proprio perchè il 16, cioè cinque giorni prima che intervenga la sanzione, si deciderà su tutta la vicenda”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!