Guida Blu 2011: un mare di vele alla Puglia

Legambiente e Touring Club Italiano presentano Guida Blu 2011: le località costiere per le migliori vacanze dell’estate 2011. La Puglia stabile al secondo posto. Cinque vele ad Otranto

Anche quest'anno, la Guida Blu 2011 di Legambiente e Touring Club Italiano, è tornata a segnalare le migliori località di mare e di lago per trascorrere una vacanza all’insegna di natura e acqua pulita, ma anche eccellenze enogastronomiche, paesaggi mozzafiato, luoghi d’arte e ambiente tutelato. E ancora una volta la Puglia è stata premiata. Seconda solo alla Sardegna, la nostra regione vanta una media di 3,02 vele su un massimo di 5.  Il giudizio attribuito a ciascuna località è frutto di valutazioni approfondite. I parametri sono suddivisi in due principali categorie: qualità ambientale e qualità dei servizi ricettivi. Lo stato di conservazione del territorio e del paesaggio, la qualità dell’accoglienza, la pulizia del mare e delle spiagge, la presenza di servizi per disabili, le iniziative nel campo della gestione sostenibile del ciclo dei rifiuti, della mobilità, del risparmio idrico ed energetico e la presenza di parchi e aree marine protette, sono i criteri sui quali Legambiente formula il suo verdetto. E così, ieri mattina, Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia e Silvia Godelli, assessore al Mediterraneo, Cultura e Turismo della Regione Puglia hanno presentato i dati della Guida Blu 2011. Ad assistere c'erano anche i sindaci degli unici due comuni pugliesi premiati con le prestigiose 5 vele, uno dei quali, Otranto, nel Salento: Luciano Cariddi, sindaco della città dei martiti e Domenico Tanzarella, sindaco di Ostuni. Entrambe le località confermano il risultato dello scorso anno e, nell'ambito della guida stessa, sono in buona compagnia. “Oltre ad Otranto e Ostuni, che hanno conquistato le 5 vele, – ha infatti dichiarato Silvia Godelli – bisogna ricordare che ben 34 città sono state insignite delle vele di Guida Blu. Dunque festeggiamo il grande successo della nostra regione”. Hanno meritato le 4 vele, quest'anno, 9 località: Diso (Le), Nardò (Le), Polignano a Mare (Ba), Chieuti (Fg), Andrano (Le), Castro (Le), Gallipoli (Le), Melendugno (Le), Monopoli (Ba). In 15 località sventolano 3 vele e in 8 sventolano 2 vele. Chiudono la classifica Castellaneta (Ta) e Trani (Bat) con una sola vela. Un ottimo risultato che sprona a fare sempre meglio, non solo per questioni limitate alla sostenibilità e all'ambiente, ma anche per il ritorno commerciale. Determinati pregi, come quelli riconosciuti da Legambiente con le sue vele, fanno di una località un posto ideale dove trascorrere le vacanze. “È dimostrato infatti che la vacanza di qualità è l’unica che non conosce crisi; – conclude il presidente Tarantini – è proprio questo, del resto, lo scopo di Guida Blu: fornire esempi positivi che spingano sempre più amministratori sulla strada del turismo di qualità”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!