Amministrative 2012. Il Pd: ‘Primarie ad ottobre’

Lecce. Il Partito democratico leccese apre la coalizione a cittadini, movimenti e associazioni. Una risposta anche a Paolo Perrone che ieri aveva auspicato primarie nel centrodestra

LECCE – Primarie del centrosinistra già ad ottobre. Lo ha ufficializzato il Pd che si è detto già al lavoro per la costituzione di una Commissione che dovrà lavorare sia ad una bozza di regolamento per le Primarie sia ad una bozza di programma. Entrambe le cose saranno poi sottoposte al vaglio dei partiti per l’approvazione o la modifica. Sembra già entrata nel vivo la fase di preparazione alle Amministrative del capoluogo salentino previste per la primavera del 2012. Gli intenti del Pd sono più chiari che mai: “Riprenderci Palazzo Carafa, ridare a Lecce un sindaco di centrosinistra”. Li hanno enunciati il segretario cittadino Fabrizio Marra, il capogruppo Antonio Rotundo, ed i consiglieri Antonio Torricelli, Angelamaria Spagnolo e Paola Povero. L’obiettivo è quello di trovare il candidato più forte che sappia raccogliere il maggior numero di consensi tra i cittadini, anche andando oltre i confini del centrosinistra. “Occorre aprire ai movimenti, alle associazioni, ai sindacati ed ai semplici cittadini – ha spiegato Povero – Deve essere una rivoluzione culturale che parte dal basso, perché da soli non si va da nessuna parte”. Il primo candidato delle Primarie c’è già. E’ Carlo Salvemini. Tocca agli altri farsi avanti. Quella del PD di lanciare le primarie senza preventiva intesa con gli alleati naturali di SEL e IDV, sembra anche una reazione alla sfida lanciata ieri da Paolo Perrone. Il sindaco di Lecce, interpretando la linea indicata dal nuovo segretario nazionale del PdL Angelino Alfano, aveva infatti accettato e ufficializzato la sua partecipazione alla primarie, considerato strumento di chiarificazione e verifica del proprio gradimento. Ma Adriana Poli Bortone ha già rimandato al mittente questa ipotesi, considerata “non da centrodestra”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!