Darsena di San Cataldo: i dubbi del PD

Un'interrogazione del gruppo PD chiede chiarezza alla Giunta Perrone sulla gestione della darsena di San Cataldo.

Ieri, con un'interrogazione urgente, il gruppo dei consiglieri comunali del PD di Lecce ha risollevato la vicenda legata alla gestione della darsena di San Cataldo. Nella rocambolesca cessione del porto alla Italia Navigando Spa, ci sono dei punti che risultano, anche a detta della compagine di opposizione, poco chiari. L'invito alla trasparenza, durante questa delicata fase, è stato quindi ufficializzato. Nell'attesa che qualcuno possa migliorare la proposta avanzata da Italia Navigando, rimane l'interrogativo sui 6,5 milioni di euro provenienti da via Capruzzi e la preoccupazione pare giustificata. Il finanziamento, arrivato a Lecce sulla base del progetto Fices, successivamente giudicato “non di pubblico interesse”, è da ritenersi utilizzabile solo se la pubblicazione del bando di gara avverrà entro il 31 luglio prossimo. Considerando che i fondi della Regione furono stanziati con il programma triennale delle opere pubbliche del 2005-2007 e che la bocciatura della Fices è arrivata solo il 6 aprile scorso, è consentito pensare che qualcosa sia andata storta.   La richiesta del Partito Democratico tende proprio a chiarire questi interrogativi. In particolare, si chiede alla Giunta Perrone di relazionare: “sui tempi stimati per la conclusione della procedura comparativa da espletare nel caso di presentazione di istanze concorrenti a quella di Italia Navigando S.p.A.”; “comunque sui tempi stimati per l’acquisizione del progetto preliminare che sarà elaborato da Italia Navigando S.p.A. o da altro soggetto eventualmente affidatario in esito alla pubblicazione di cui alla Deliberazione G.M. n. 423/2011, nonché per effettuazione dell’esame di merito del progetto preliminare acquisito”; “sul tipo di procedura che, sulla base del progetto preliminare acquisito in esito alla procedura di cui alla la Deliberazione G.M. n. 423/2011, verrà indetta con bando conforme alla disciplina nazionale e comunitaria di riferimento da pubblicarsi comunque entro il 31 luglio 2011”. A meno di due mesi dalla data fatidica, la faccenda sembra essere tutt'altro che risolta. Articolo correlato: Darsena di San Cataldo. Verso la gestione di Italia Navigando

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!