Batterio killer. ‘I prodotti pugliesi sono sicuri’

Bari. Controlli e sistemi di certificazione garantiscono sicurezza e qualità dell’ortofrutta. Lo assicura l’assessore Stefàno

BARI – “Frutta e verdura pugliesi sono sicure, si possono consumare con la tranquillità di sempre”. L’Assessore alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia Dario Stefàno invita alla prudenza a proposito dell’allarmismo che si sta diffondendo a causa del “batterio killer”, che rischia peraltro di provocare uno stop dannosissimo al trend di export dell’ortofrutta pugliese dell'ultimo anno. “Dopo anche le rassicurazioni del ministro alla Salute Fazio – dichiara Stefàno – che ha sottolineato l’assenza di casi registrati nel nostro Paese e di segnalazioni di infezioni da parte di questo ceppo di batterio E.coli, sia nella popolazione italiana residente che nei turisti provenienti dalla Germania, e a seguito della non ancora accertata origine del batterio, è da ritenersi infondato l’allarmismo che si sta diffondendo e che attribuisce impropriamente la causa ai produttori ortofrutticoli”. “In ogni caso, le nostre produzioni pugliesi sono da ritenersi sicure – sottolinea l’assessore Stefàno – anche per via dei controlli effettuati dagli enti preposti, e dalle pesanti sanzioni per gli eventuali trasgressori, che ci danno certezza sulla provenienza delle acque di irrigazione in Puglia e scongiurano qualsiasi ipotesi di utilizzo di acque di fogna, ritenute a rischio proprio per la eventuale presenza del batterio E.coli”. Ad ulteriore garanzia ci sarebbero anche aspetti tecnici che impedirebbero l’uso di acque di tale provenienza, legati all’intasamento immediato dei filtri utilizzati per i sistemi di irrigazione a micro portata, adottati ormai da tutti i produttori pugliesi di ortaggi e frutta. “Gli Enti della Sanità locale – prosegue Stefàno – non hanno accertato nessun caso in merito, a garanzia di una buona e corretta gestione delle buone pratiche agricole adottate in Puglia. Questo nostra tranquillità non ci ha fatto mai demordere sull'opportunità di tenere alta la guardia, per scovare eventuali situazioni a rischio, essendo mostro obiettivo prioritario quello di continuare a garantire al massimo i consumatori e le nostre produzioni”. Dunque l’impiego di sistemi di certificazione per i prodotti di qualità su cui la Puglia sta investendo e per i quali sono previsti controlli rigidi, consentirebbe di garantire sulla sicurezza e sulla qualità dell’ortofrutta pugliese.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!