Evasione fiscale per oltre 417mila euro

Lecce. La Guardia di finanza ha denunciato il responsabile all’Agenzia delle entrate

LECCE – L’attività ispettiva effettuata dalle Fiamme Gialle del Nucleo di Polizia Tributaria di Lecce ha permesso di scoprire, nei confronti di un’impresa dell’hinterland leccese operante nel settore della vendita di autoveicoli, l’omessa contabilizzazione di costi e ricavi per oltre 330mila euro e varie irregolarità in materia di Iva per oltre 84mila euro. L’impresa, infatti, ha omesso di contabilizzare ricavi, costi non inerenti e non documentati o non di competenza, spese di rappresentanza non deducibili, quote di ammortamento di beni materiali non deducibili in quanto relative a beni non più strumentali all’attività d’impresa, oltre ad avere effettuato cessioni immobiliari nei confronti di una società della grande distribuzione alimentare senza applicare le imposte dovute. In materia di Iva la società aveva richiesto l’indebita detrazione di imposta relativa ad acquisti non inerenti l’attività svolta, omettendo di registrare le operazioni imponibili, di fatturare nei termini di legge le operazioni imponibili e quelle con aliquota inferiore a quella prevista. Infine, i finanzieri hanno individuato violazioni in materia di pubblica sicurezza, connesse all’irregolare tenuta del registro di carico e scarico dei beni usati. L’attenta analisi della normativa fiscale ha consentito ai Finanzieri di accertare che la società in questione aveva omesso di dichiarare al Fisco un’imposta dovuta per oltre 417mila euro. L’operazione si è conclusa con la segnalazione all’Agenzia delle Entrate per il recupero delle imposte evase.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!