Area Vasta. Neo-sindaci dal commissario

Casarano. Un incontro ufficiale tra Giovanni D’Onofrio ed i sindaci appena eletti dei Comuni che rientrano in Area Vasta per discutere delle attività di pianificazione strategica

CASARANO – Primo incontro ufficiale del commissario prefettizio, Giovanni D’Onofrio, in qualità di presidente di Area Vasta. Questo pomeriggio (ore 15,30), il prefetto incontrerà i sindaci neo eletti di Alessano, Castrignano del Capo, Collepasso, Cutrofiano, Diso, Nociglia, Patù, Poggiardo, Taurisano, Taviano e Ugento. Insieme ai sindaci di prima nomina, che quindi “debuttano” in Area Vasta, all’incontro parteciperanno anche Antonio Fitto, sindaco di Maglie e presidente dell’Assemblea dei sindaci, e l’architetto Francesco Longo, responsabile Ufficio Unico di Piano Strategico. Scopo del meeting: un iniziale contatto con i primi cittadini e l’illustrazione delle attività di pianificazione strategica. All’incontro sono state invitate le rappresentanze delle giunte comunali e di tutti i gruppi consiliari degli stessi Comuni. L’altro ieri, intanto, il commissario prefettizio ha partecipato a Bari al tavolo tecnico-operativo tra Anci (associazione dei comuni), Regione Puglia e Aree Vaste pugliesi “perché riprenda slancio – si legge in una nota – il ruolo delle dieci Aree Vaste regionali e, relativamente alla risorse già destinate con i Programmi Stralcio, si possa velocizzare la spesa, così che neanche un euro vada perduto”. E’ l’esito, condiviso da tutti i territori, cui è approdato l’incontro promosso dal presidente della Giunta Regionale, Nichi Vendola, centrato proprio sul tema della velocizzazione della spesa. “La costituzione di un tavolo tecnico che abbia a cuore la qualità dell’azione delle Aree Vaste è quanto mai opportuna, e ci vede completamente d’accordo – ha affermato D’Onofrio –; d’altra parte, la velocizzazione della spesa relativamente a quanto già in atto nell’Area Vasta ‘Sud Salento’ è stato un obiettivo preciso fin dall’atto del mio insediamento, condiviso pienamente con il dirigente del Servizio Progetti sovraterritoriali del Comune, architetto Longo”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!