Sgarbi-Regione. Montinari: ‘In Puglia aziende serie’

Bari. Sgarbi ha definito “uno scempio” il fotovoltaico ed eolico in Puglia. La Regione querela. Montinari difende le aziende

BARI – Uno “scempio”. Questa è la definizione che Vittorio Sgarbi ha dato, l’altroieri sera durante l’esordio della sua trasmissione “Ora ci tocca anche Sgarbi” andata in onda su Rai Uno, del fotovoltaico ed eolico in Puglia. La Regione, in risposta a tali dichiarazioni considerate diffamanti, nel corso della seduta ieri ha deliberato di dare mandato ai propri uffici legali di procedere, in tutte le sedi opportune, contro la Rai e contro Vittorio Sgarbi e Carlo Vulpio per “i contenuti di calunnia presenti nella trasmissione”. Dal canto suo, il presidente Nichi Vendola ha dichiarato l’intenzione di difendere, in ogni sede, l’onorabilità della sua persona e dell’Istituzione che rappresenta. Sulla questione è intervenuto nelle scorse ore anche il presidente di Confindustria Puglia, Piero Montinari, che in quanto numero uno degli industriali pugliesi si è sentito chiamato in causa dalle dichiarazioni di Sgarbi. “In Puglia – ha detto Montinari – ci sono aziende che operano, da molti anni, seriamente e professionalmente nel settore energetico. Ma che, soprattutto, lo fanno nel rispetto della legalità e lontano da interessi mafiosi. E’ bene dirlo a gran voce e con convinzione. Così come – ha aggiunto – lusinghiero è il lavoro che, nel nostro territorio, svolge Legambiente, alla quale va tutta la mia solidarietà per le pesanti accuse, ad essa rivolte, durante la trasmissione di Rai Uno. Legambiente, con cui non sono mancati i momenti di confronto serrato ma costruttivo, si è sempre battuta a favore del rispetto delle leggi e dello sviluppo sostenibile. Obiettivo, questo, che l’intero sistema di Confindustria Puglia e quindi il tessuto imprenditoriale tutto ha come prioritario”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!