Destra, sinistra e il ‘terzo incomodo’

TREPUZZI. Simona Manca vs Oronzo Valzano vs Vito Leone. La gara elettorale si preannuncia all’ultimo sangue

TREPUZZI. Il Comune del Nord Salento sarà scenario di una vera lotta all'ultimo sangue. A Trepuzzi è infatti scesa in campo, per il centrodestra, la vicepresidente della Provincia di Lecce Simona Manca, a capo della lista “Uniti per Trepuzzi”. A lei il difficile compito di provare a “convertire” un comune da sempre roccaforte del centrosinistra. Quest'ultimo schiera Oronzo Valzano, con la lista “Solidarietà Lavoro e Democrazia”, ma non attraversa certamente un momento di grande serenità. Fondamentale, per il Partito Democratico, l'appoggio dell'UDC. Due volte consigliere comunale, dal '97 al 2006, Valzano ha 54 anni ed è sposato, con due figli. Una laurea in Chimica Farmaceutica alle spalle, lavora oggi in un un'industria farmaceutica, ma la sua passione è sempre stata la politica e la partecipazione attiva alla vita cittadina. E’ segretario del Pd dal 2008. Fra i due litiganti – destra e sinistra – non poteva mancare il tradizionale “terzo incomodo”: Vito Leone, con la lista “Fronte Comune”, afferente al consigliere regionale Antonio Buccoliero, presidente di Moderati e Popolari. Informatore medico scientifico di 47 anni, Leona ha un'esperienza politica alle spalle prima in Forza Italia e poi nel movimento Moderati e Popolari. Separato e padre di tre bambini, è stato consigliere comunale di opposizione nell'ultima consiliatura. In campo ci sono quindi tre idee diverse su come migliorare la qualità della vita dei trepuzzini, a partire dal problema traffico e parcheggi. La cittadina, infatti, non ha una circonvallazione ed è quindi luogo di passaggio obbligati per tir e altri mezzi pesanti che si muovono lungo il Salento. E poi il PUG, il Piano Urbanistico Generale – bestia nera di molti comuni al voto i prossimi 15 e 16 maggio – che alcuni vorrebbero cambiare e altri no. E ancora gli spazi di aggregazione giovanile e le periferie, problemi sentiti dalla cittadinanza, chiamata scegliere fra la continuità o il cambiamento.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!