Pasquetta, immagini e pensieri

Ben poco si avverte del rito, ossia della ricorrenza attesa e vissuta con autentico coinvolgimento e trasporto interiore da grandi e piccini. La piccola Pasqua si presenta oggi, più che altro, alla stregua di cornice per interminabili file d’auto, assalti a valanga agli snack e agli aperitivi imbanditi, ultimo bottone del vestito vacanziero per il trenta per cento degl’italiani spostatisi dai luoghi di abituale residenza. Talora, succede, peraltro, che la natura si metta a giocare brutti scherzi, con condizioni climatiche e meteorologiche a modo di guastafeste. Chi di Pasquette ne ha inanellate settanta, è ovviamente ancorato all’evento autentico, lontano, neppure s’avvede dei rosari di gusti e mode moderni. Si pone, al contrario, sensibile, prova apprezzamento, verso gli sparuti gruppi di giovani, specie di adolescenti e ragazzi, che il lunedì dell’Angelo non subiscono la comoda tentazione e la dipendenza delle quattro ruote familiari e/o della motoretta e sciamano a piedi, compostamente, quasi assaporando i passi sciolti e leggeri, dai centri abitati in direzione delle campagne, delle scogliere marine, delle insenature poco affollate, per consumare un pasto, uno spuntino al di fuori degli schemi quotidiani, fra risate, scherzi e musiche che, certamente, non fanno male. Si offre l’occasione, almeno ad alcuni di loro, per accendere lo zolfanello ideale, magari per la prima volta, che innesca freschi trasporti affettivi e amorosi, approcci in cui, per fortuna, poco c’è di cambiato. I palpiti del cuore mantengono ritmi uguali, il sapore dei baci precoci non risente delle evoluzioni e involuzioni del tempo, profuma di novità e di miele. Si presentano indubbiamente belle e confortanti queste ormai atipiche tracce di abitudini e sentimenti che sopravvivono, valgono a conferire garanzia di continuità in senso sano e positivo, nonostante tutto, alla tradizione. Al punto che, pure i bianchi, lisi e induriti capelli, che sormontano le settanta primavere succedutesi, una volta tanto si rivelano e scorrono più morbidi sotto il palmo della mano, dando segno di un ideale ritorno di giovinezza. Lecce, 25 aprile 2011 Rocco Boccadamo

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment