Carlo Benincasa: addio al grande lottatore

Nominato alla presidenza del consorzio Sisri, ha dovuto subito confrontarsi con le enormi difficoltà e irregolarità gestionali ereditate. Nel novembre 2008 il Tacco d'Italia gli dedicava questa vignetta satirica

Prima ancora che un grande politico, Carlo Benincasa è sempre stato un grande sindacalista, anche negli anni in cui si è seduto sui banchi di Palazzo Carafa, forte di un consenso di migliaia di preferenze delle fila del PDS prima e del PD poi. Un uomo tutto d’un pezzo, Carlo, con un forte senso delle istituzioni, la voglia di difendere a oltranza i deboli, una passione civile quasi esasperata, incapace di rassegnarsi allo “schifo” che andava a snidare nelle pieghe di delibere, determine e incarichi. Insieme alla sua simpatia schietta e un po’ guascona, la capacità di indignarsi era il suo tratto caratteriale più ammirevole, specialmente in un mondo politico in cui oramai ci si abitua davvero a tutto. Prima si documentava con pignoleria sui fatti della vita amministrativa leccese, poi partiva all’attacco, a testa bassa, a volte con una durezza davvero impressionante. Lupiae servizi, Iacp, opere pubbliche, sanità, lavoro, scandalo filobus, sono solo alcuni dei temi sui quali Carlo di infervorava e dava battaglia. A Lecce era temuto e rispettato, dagli avversari del centrodestra come dai compagni di partito. Tutti oggi gli rendono doverosamente omaggio. Con la morte di Benincasa, Lecce perde il suo più attento e severo controllore.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!