Banca Etica. La Puglia ha detto sì

Bari. La Giunta Vendola approva la sottoscrizione di 1.000 azioni, del valore 55.500 euro, da parte dell'Ente regionale, che entra così nel capitale sociale della Banca

In un futuro prossimo, la Regione Puglia potrebbe entrare nel capitale sociale della Banca Etica. L'annuncio, che risale al novembre 2011, è dell'assessore regionale alle politiche giovanili e cittadinanza sociale, Nicola Fratoianni, che accennò a questa ipotesi nel corso di una conferenza stampa di presentazione del progetto di microcredito e di fondo di garanzia di 300mila euro per consentire agli immigrati di poter usufruire del diritto alla casa. Quello fu definito come il primo passo verso una stretta collaborazione tra Regione Puglia e Banca Etica che ambiva a “guardare molto lontano”. Nel successivo mese di marzo, con deliberazione di Giunta, pubblicata sul Burp (Bollettino della Regione) del 19 aprile 2011, si rende ufficiale la partecipazione della Regione Puglia in Banca Etica, società cooperativa per azioni, attraverso l'approvazione della sottoscrizione di 1.000 azioni, pari a 55.500 euro. Banca Etica – che recentemente ha attivato a Bari un proprio sportello operativo – “è impegnata sul territorio per la diffusione della cultura della solidarietà, della giustizia, della difesa dei diritti umani e per la promozione di un’economia solidale basata sul rispetto del lavoro e dell’ambiente. Nella compagine sociale della Banca, oltre ad associazioni di volontariato e ambientaliste, si ritrovano diverse Regioni e Enti pubblici locali con i quali negli anni sono stati realizzati significativi modelli di intervento. In questo contesto, allo scopo di contribuire alla diffusione di un modello di attività creditizia orientato all’utile sociale, ambientale e culturale e al sostegno di iniziative del “terzo settore”, la Giunta Vendola ha disposto la partecipazione della Regione Puglia al capitale sociale di Banca Etica, istituendo un apposito capitolo di spesa e delegando alla Giunta Regionale il compimento degli atti necessari per la partecipazione e per la sottoscrizione delle azioni.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment