Rinnovabili. Al via il censimento


Bari
. Con procedura telematica, le Province e i Comuni potranno registrare le informazioni relative agli insediamenti di energie pulite nei propri territori

Tramite il portale www.sistema.puglia.it, dell’Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l’Innovazione della Regione, Province e Comuni potranno registrare le informazioni relative agli insediamenti di impianti di energie pulite presenti nei propri territori e avviati con la Dichiarazione di Inizio Attività (Dia) rilasciate proprio dai Comuni. L’attivazione della procedura telematica per il censimento degli impianti, segue l’intesa del 14 marzo 2011 (Rinnovabili. Intesa su anagrafe degli impianti) tra la Regione Puglia, l’Unione Province d’Italia (Upi) e l’Associazione Nazionale Comuni Italiani (Anci) L’attività è necessaria per programmare e regolare meglio gli insediamenti, ma anche per controllarli. Attività impossibili senza un efficace scambio di dati tra le istituzioni coinvolte, cioè la Regione che concede l’autorizzazione unica per gli impianti industriali, i Comuni ai quali si presenta la Dia per gli impianti minori e civili, le Province che effettuano le valutazioni ambientali. L’iniziativa, sollecitata dalla politica e dagli ambientalisti in prima linea, si rende necessaria per far fronte alle problematiche di natura ambientale e di rispetto della legalità che il settore delle “energie alternative” richiede (Mafia e fotovoltaico: ‘si convochi un comitato per ordine e sicurezza’). “La Regione Puglia – dice la vicepresidente e assessore allo Sviluppo economico Loredana Capone – ha promosso e continuerà a promuovere l’energia prodotta da fonti rinnovabili. Tuttavia è necessario proteggere il territorio, per questo è fondamentale sapere quanti impianti sono stati avviati con la Dia e dove si trovano. La Regione ha rispettato l’accordo con Anci e Upi, attivando la procedura telematica nei tempi previsti dall’accordo. Adesso è necessario che anche i Comuni e le Province procedano il più presto possibile all’inserimento dei dati.Questa attività – ricorda la vicepresidente – ci mette nelle condizioni di controllare gli insediamenti e prevenire così attività speculative o criminali”. Per accedere all’iscrizione occorre essere registrati al portale Sistema Puglia (www.sistema.puglia.it) e aver eseguito la procedura di accreditamento on-line, disponibile nella sezione Energia, alla pagina ‘Censimento Impiant’ delle Sezioni Speciali’. E’ necessaria anche la registrazione sul sistema Sit (www.sit.puglia.it) e l’abilitazione all’accesso.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!