Laboratori urbani. 'Spazio' ai giovani

Lecce. Inaugurato luogo di creatività, presso le “Officine Cantelmo”, nell'ambito di “Bollenti Spiriti”

È stato inaugurato alla presenza della Vicepresidente della Regione Puglia, Loredana Capone, e delle altre autorità locali, il laboratorio urbano nelle ex “Officine Cantelmo”, ristrutturato a Lecce, con i fondi comunitari della misura 5.1. Il laboratorio diventerà una mediateca polifunzionale, darà avvio alle proprie attività, nell’ambito del più ampio progetto “Bollenti Spiriti”, messo a disposizione dei giovani dalla Regione Puglia. “Lo scopo dell’iniziativa “Laboratori urbani”, è di riqualificare edifici dismessi per trasformarli in nuovi spazi pubblici per la creatività giovanile” – così la Vicepresidente Capone. “Con i 151 interventi in tutto il territorio pugliese per un finanziamento complessivo di 144 milioni di euro, la Regione cambia volto e diventa più Giovane – ha aggiunto Loredana Capone –. Le intese con gli Enti locali che hanno cofinanziato con altri 10 milioni di euro tali interventi consentono di unire le istituzioni in un’ottima strategia di crescita della comunità e di promozione del lavoro”. Il laboratorio presso le Officine Cantelmo – chiarisce Loredana Capone – ha visto un investimento regionale di 630.000 euro e del Comune di Lecce per 70.000 euro. L’investimento prevede anche che 130.000 euro siano destinati allo start up dell’impresa, vale a dire a sostenere il primo anno di spese di gestione. Proprio quelle spese che rappresentano per i giovani la maggiore difficoltà da affrontare. Attraverso un bando pubblico, avviato nel 2006 e destinato ai Comuni pugliesi, la Regione Puglia sta finanziando il recupero, la rifunzionalizzazione e la gestione di ex mattatoi, antichi monasteri, capannoni industriali in stato di abbandono, scuole in disuso e altri immobili di proprietà pubblica.Vecchi edifici pubblici abbandonati di proprietà comunale diventano così laboratori per la creatività e spazi per l’espressione giovanile. Si tratta del più importante investimento infrastrutturale sulla creatività mai realizzato prima da una regione italiana – ha detto la Capone – al punto di essere annoverato dall’Unione Europea come “progetto esemplare” nell’ambito dell’anno europeo per la creatività e l’innovazione. Sono 56 gli interventi finanziati nella sola Provincia di Lecce: luoghi di proprietà pubblica che oggi ritrovano nuova vita e diventano terreno fertile per la creatività e il fermento giovanile. A Trepuzzi l’ex mercato dei fiori diventerà la casa della musica “Livello Undici Ottavi”, a Otranto le aree archeologiche del centro storico saranno spazi adibiti a spettacoli ed eventi, a Cavallino sarà inaugurato il laboratorio di archeologia sperimentale presso gli immobili comunali del Museo diffuso “Sigismondo Castromediano”, a Melendugno una ex scuola diventerà presto un centro culturale, a Galatone l’ex oleificio diventerà un laboratorio delle arti espressive. Così, la Regione Puglia ha voluto offrire nuove occasioni di lavoro e di sviluppo economico, puntando sulle idee dei più giovani, sul loro spirito imprenditoriale, sulle loro capacità”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment