‘Hello Dolly’. Tempo di musical al Politeama

GUARDA IL VIDEO. Lecce. Concerti, operetta, danza per il ricco Calendario della Camerata. Intervista al presidente Schirinzi

Lecce. E’ la sera del musical. Al Politeama Greco di Lecce in scena “Hello Dolly” per il Calendario della Camerata Musicale Salentina. Un calendario che ha abbracciato concerti, operetta e danza, e ha soddisfatto tutte le esigenze avvicinando alla Stagione tanti volti nuovi e tanti giovani. Con grande soddisfazione del presidente, Gaetano Schirinzi che sottolinea come ancora una volta con grande impegno hanno cercato di soddisfare “i gusti del gentile pubblico e abbiamo riscontrato condivisioni notevoli, una stagione positiva che ci auguriamo di ripetere anche il prossimo anno”. C’è attesa per “Hello Dolly” l’operetta con cui Jerry Herman si affermò nel panorama teatrale newyorkese nel 1964. L’allestimento è quello ormai storico firmato dallo stesso Abbati, che oltre a essere regista impersonerà anche Orazio Vandergelder, il ricco commerciante a cui sono rivolte le attenzioni della vedova Dolly Levi. Le coreografie sono di Giada Bardelli, scene di Stefano Maccarini, traduzione e regia di Corrado Abbati, musica e liriche di Jerry Herman su licenza esclusiva di William Morris, Endeayor entertainment, New York. E’ uno dei più grandi musical di tutti i tempi, solo a Broadway al suo debutto superò le tremila repliche. Ci sarà poi sabato l’appuntamento con la danza contemporanea, la RBR Dancecompany nel balletto “4”. Un viaggio attraverso i quattro elementi: aria, acqua, terra e fuoco. Chiuderà la Stagione il grande maestro Luis Bacalov e l’Orchestra della Magna Grecia diretta dal maestro Piero Romano. Con Bacalov al piano anche Edoardo Hubert. Sarà infatti un concerto per orchestra e due pianoforti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment