A Koreja, il teatro di Baliani

Lecce. L’attore, drammaturgo e regista conduce una ricerca sull'arte della narrazione orale e sullo spazio del racconto

Per “Strade Maestre 2010 – 2011”, si inaugura la stagione teatrale promossa da Cantieri Koreja, Provincia di Lecce, Regione Puglia e Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Molto atteso il ritorno di uno dei massimi esponenti del teatro di narrazione italiano. Con la rassegna “Ho cavalcato in groppa a una sedia”, va in scena Marco Baliani (il 5 aprile con inizio alle 19), attore, drammaturgo e regista che da anni conduce una ricerca sull'arte della narrazione orale e sullo spazio del racconto in teatro. Scrive Baliani “[…] il motivo per cui ho cominciato, più di venti anni fa, a trasformare l'atto teatrale in una narrazione era la ricerca di un linguaggio che mi permettesse di descrivere il mondo in una forma complessa, che uscisse dai consueti canoni teatrali della rappresentazione ma più ancora che rimettesse in gioco il modo di percepire la scena da parte dello spettatore. Quando racconto – prosegue – costringo a spostare la percezione dall'occhio all'orecchio, a privilegiare l'ascolto sulla visibilità. In una società ove tutto e' visibile, spiabile, registrabile visivamente, la narrazione ricrea il mistero di un invisibile che si manifesta. Questo – conclude – è uno dei motivi che mi hanno spinto a indagare in quali e quante forme potesse avvenire l'atto del narrare […]”. Giovedì 7 aprile, invece, alle ore 20.45 andrà in scena un vero e proprio capolavoro, “Kohlhaas”. Venerdì 8, alla stessa ora, sarà la volta di “Tracce” una catena di riflessioni meta teatrali a partire dal testo di Ernst Bloch. La rassegna si concluderà sabato 9, sempre alle 20.45, con uno spettacolo dedicato a grandi e piccini, “Frollo” la storia un bambino che si trova a vivere un'avventura più grande di lui.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment