Romagnoli a Lecce

Lecce. Al centrodestra salentino servirebbe una scossa. Ne è convinto Luca Romagnoli, segretario nazionale di Fiamma Tricolore. Stamattina all’hotel Cristal

LECCE – L’Italia non s’è affatto desta. E la Fiamma Tricolore non ci sta. Messaggio forte e chiaro dagli eredi del Movimento Sociale Italiano, che domenica 3 aprile si riuniranno all’hotel Cristal, a Lecce, in occasione della venuta del segretario nazionale della Fiamma Tricolore, Luca Romagnoli. Una visita per riorganizzare pensieri e azioni della segreteria provinciale, affidata recentemente a Egidio Personè, vecchio cuore missino. “La Fiamma Tricolore è l’unico baluardo ormai contro la deriva del Paese, di questa Italia che si è aggrappata alla retorica dell’Unità nazionale per dimenticare per un attimo che non ci si può più fidare di nessuno – ha dichiarato Personè -. Il centrodestra infatti è in grave ritardo nel mantenimento delle promesse elettorali e solo ora ha trovato lo slancio per imporre la tanto attesa riforma giudiziaria. E spicca il ritardo nella attuazione di interventi strategici e di facilitazioni fiscali per il Sud, nonché nella creazione della Banca del Mezzogiorno, che dovrà difendersi certamente da tanti appetiti mai sopiti”. Personè non è tenero neanche con il centrodestra salentino. “Non possiamo essere entusiasti per l’amministrazione di Lecce – ha detto -: troppi scandali e poca attenzione per i cittadini disagiati, per la valorizzazione delle bellezze nostre e per la incapacità di investire in progetti di sviluppo”. Non manca la stoccata del segretario provinciale della Fiamma alle sinistre: “Certamente un concorso di colpa imperdonabile bisogna ascriverlo alle sinistre: se fossero meno attratte dalle mutande del premier finalmente parleremmo dei problemi dei cittadini e la politica sarebbe cosa buona e giusta”. Temi che saranno approfonditi da Romagnoli a partire dalle ore 11 di oggi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!