Affitti. Scoperte locazioni in nero

Specchia/ Scorrano. I proprietari di due abitazioni non hanno dichiarato i redditi percepiti

Nell’ottica di contrastare il fenomeno del sommerso nel settore delle locazioni immobiliari, negli ultimi giorni, i Finanzieri della Tenenza di Maglie e Leuca hanno scoperto due locazioni in nero. Dagli accertamenti svolti, è stato appurato che i proprietari di due abitazioni situate entrambe a Specchia e Scorrano, concesse in locazione ad altrettanti inquilini, non hanno dichiarato i redditi dei canoni di locazione percepiti. Infatti la legge dispone che tutti i contratti di locazione e affitto di beni immobili devono essere obbligatoriamente registrati, entro 30 giorni, dall’affittuario (conduttore) o dal proprietario (locatore), qualunque sia l’ammontare del canone pattuito, versando contemporaneamente le imposte dovute (registro e bollo). Se la durata del contratto non supera i 30 giorni complessivi nell’anno, non si è obbligati alla registrazione dello stesso. Poiché i due locatori non hanno provveduto alla dichiarazione dei canoni percepiti, gli stessi sono stati segnalati alla Agenzia delle Entrate di Lecce per il recupero delle imposte dovute. In questi primi mesi dell’anno, in materia di sommerso delle locazioni, i Finanzieri del Comando Provinciale di Lecce hanno effettuato quattro interventi che hanno permesso di scoprire 10 locazioni in nero che si aggiungono alle 186 del 2010.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!