Frutta e verdura. Società in bancarotta

Basso Salento. Il fallimento si è realizzato mediante una sistematica opera di svilimento del patrimonio aziendale

Le Fiamme Gialle del Nucleo Polizia Tributaria di Lecce hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Lecce due responsabili, nelle loro rispettive vesti di amministratori di una società del basso Salento operante nella commercializzazione di frutta e verdura, per il reato di bancarotta fraudolenta. Il fallimento si è realizzato mediante una sistematica opera di svilimento del patrimonio aziendale, attuata attraverso la distrazioni e l’occultamento di somme di denaro e di crediti da parte dei due responsabili. Le indagini dei Finanzieri hanno, infatti, permesso di accertare, nel periodo precedente la dichiarazione di fallimento dell’impresa, una distrazione ed un occultamento di denaro e crediti complessivamente pari a circa 300 mila euro. Gli investigatori hanno accertato, tra l’altro, la mancata redazione e deposito del bilancio fallimentare, l’occultamento delle scritture contabili, la distrazione di oltre 35 mila euro di denaro dalle casse dell’impresa, l’occultamento di oltre 65 mila euro di ricavi conseguiti nel periodo prefallimentare, nonché l’occultamento di credito per oltre 170 mila euro. Per tali ipotesi gli amministratori di diritto e di fatto risponderanno del reato di bancarotta fraudolenta.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment