Tenta furto. Bloccato dagli agenti

Spongano. Si introduce all'interno del giardino di un'abitazione, ma i proprietari se ne accorgono e chiamano le Forze dell'Ordine

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile – Aliquota Radiomobile della Compagnia di Tricase hanno arrestato, per tentato furto in abitazione, Massimiliano De Maglie, 38enne di Poggiardo gravato da precedenti di polizia, tra cui, l’obbligo di non abbandonare la propria abitazione dalle 21 alle 8. Intorno alle 7.30 di questa mattina, un abitante di Spongano ha chiesto alla Centrale Operativa della Compagnia di Tricase, l’intervento dei militari dell’Arma poiché uno sconosciuto si era introdotto all’interno del giardino della propria abitazione. Sul posto è stata subito fatta convergere un’autoradio il cui equipaggio, ha notato un uomo che tentava di uscire dal giardino dell’abitazione scavalcando la recinzione. Alle sue calcagna c’erano i padroni di casa che tentavano di raggiungerlo per bloccarlo. Prontamente fermato dai militari, l’uomo è stato identificato. Dal racconto effettuato dai padroni dell’abitazione è emerso che De Maglie era stato visto aggirarsi all’interno del giardino mentre, intento a studiare con attenzione tutte le finestre e le porte della casa, stava effettuando una ricognizione utile a decidere la via migliore per introdurvisi all’interno. Subito dopo aver chiesto l’intervento dei Carabinieri gli inquilini hanno visto l’uomo allontanarsi di gran fretta, poiché accortosi di aver svegliato le persone presenti all’interno dell’edificio. Gli ulteriori accertamenti svolti dai Carabinieri hanno permesso di accertare che l’uomo, arrivato a Spongano a bordo della propria autovettura, viaggiava senza la copertura assicurativa e pertanto il veicolo gli è stato sequestrato. Accompagnato in caserma, è stato dichiarato in arresto per tentato furto in abitazione. L’uomo è ora presso la propria abitazione in regime di detenzione domiciliare.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment