Ospedale di Gagliano. Stop allo smantellamento

Bari. Lo ha deciso, in via provvisoria, il Tar del capoluogo regionale, che si pronuncerà definitivamente, il 7 aprile prossimo

Stop provvisorio alle operazioni di smantellamento del reparto di medicina interna dell'ospedale di Gagliano del Capo. Lo ha deciso il Tar di Bari che si pronuncerà definitivamente, sulla questione, il 7 aprile prossimo. Il tribunale amministrativo ha accolto la richiesta del Comune di Gagliano – rappresentato dall’avvocato Pietro Quinto – contro il Piano di riordino ospedaliero. La decisione ha tenuto conto delle condizioni dei 150 malati oncologici che, per sottoporsi alle cure necessarie, avrebbero dovuto spostarsi a Gallipoli. Nel pomeriggio di oggi, intanto, per fare il punto della situazione, si riuniranno a Gagliano, gli amministratori di dieci comuni del Capo di Leuca (Patù, Alessano, Corsano, Tiggiano, Morciano di Leuca, Castrignano del Capo, Presicce, Salve e Acquarica) per discutere della situazione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment