Vendola: 'la Lombardia è terra di mafia'

Milano. Il presidente della Regione Puglia punta il dito contro la sanità e il “circuito degli appalti intorno alla 'ndrangheta'”. Formigoni gli dà del “miserabile”

“La Lombardia è la regione più mafiosa d'Italia”. A dirlo è il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, riferendosi, soprattutto, al sistema della sanità (riunioni di boss mafiosi nelle sale di alcuni ospedali milanesi) e degli appalti. La frecciata arriva direttamente da Palazzo Mezzanotte, sede della Borsa milanese, durante l'incontro 'La fabbrica dell'economia, c'è un'Italia migliore'. “Non abbiamo avuto la fortuna – ha detto Vendola – di vedere sui tigì nazionali i volti di Moratti e di Formigoni associati alle vicende di cronaca giudiziaria che raccontano quale sia il livello di pervasività dell'organizzazione 'ndranghetista che controlla le Asl e ai boss che organizzano le proprie riunioni negli ospedali. Per Vendola “la 'ndrangheta in Lombardia ha un un circuito di appalti che ruotano intorno a tutte le pubbliche amministrazioni di questa regione. Sarebbe interessante affrontare questo nodo”. “E' un miserabile. Lo sapevamo. Lo conferma. Fra l'altro ripete pari pari le stesse parole che ha detto venti giorni fa. Quindi probabilmente è sotto l'effetto di qualche sostanza”, ha detto il presidente della Regione Lombardia. “Risponda piuttosto Vendola – ha detto Formigoni – alla domanda che gli pongo da oltre un mese: come mai il suo ex assessore Tedesco è stato messo in galera, non è in galera solo perché il Pd lo ha messo a senatore? E Tedesco ha detto con chiarezza che gli stessi reati commessi da lui li ha commessi Vendola. Come mai due pesi e due misure?”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!