Lecce: 'riqualificare la zona industriale'

Bari. Il consigliere regionale Antonio Buccoliero (MeP) presenta un'interrogazione urgente per comprendere le intenzioni della Regione anche sul Consorzio Asi

“La zona industriale di Lecce versa in uno stato di profondo degrado, dove la stessa sicurezza di quanti ci vivono e lavorano è fortemente minacciata”. È quanto dichiara il consigliere della Regione Puglia e presidente di “Moderati e Popolari”, Antonio Buccoliero, che ha presentato un’interrogazione urgente a risposta scritta per comprendere la posizione della Regione Puglia nei confronti di un progetto di riqualificazione della zona industriale Lecce – Surbo, ma anche per conoscere lo stato economico – finanziario del Consorzio Asi, più volte beneficiato da interventi regionali. Il testo dell'interrogazione Scrive Buccoliero: “Premesso che • Ogni zona industriale rappresenta il biglietto da visita dell’economia produttiva di una città, concentrando, al suo interno, quelle attività industriali, artigianali e commerciali, che sono il motore economico di un territorio; • La zona industriale di Lecce, come più volte denunciato, versa in un stato di profondo degrado e abbandono, dove a farla da padrone sono l’incuria, l’illuminazione scarsa o addirittura assente, i segnali stradali insufficienti o vetusti e strade “gruviera”, che rischiano di trasformarsi in una trappola mortale in caso di pioggia; Tenuto conto che • Al termine dell’orario di lavoro, la zona industriale si trasforma in “terra di nessuno”, dove l’assenza d’illuminazione pubblica, in alcune strade, diventa un chiaro invito alla criminalità; • Nell’ultimo periodo, come dimostrato dai recenti fatti di cronaca, è considerevolmente aumentato il numero di furti commessi a danno delle attività presenti nella suddetta zona, con riferimento specifico ai furto di mezzi industriali; • Nella suddetta zona, vi sono realtà aziendali, che proseguono nell’attività lavorativa anche nelle ore notturne, i cui operatori sono costretti, nei casi più fortunati, a subire il disagio di percorrere strade avvolte dal buio pesto; • Nelle scorse settimane, il consorzio Asi, il comune di Lecce e di Surbo hanno presentato, alla Regione Puglia, un progetto di riqualificazione dell’agglomerato industriale Lecce – Surbo L’interrogante si rivolge all’assessore allo sviluppo economico per conoscere: • Quale sia la posizione della Regione Puglia nei riguardi di questo importante progetto di riqualificazione e, soprattutto, quali siano i tempi di attuazione; • Se non si ritenga di accelerare le procedure di attuazione, così da restituire alla città di Lecce e dell’hinterland una zona industriale che sia realmente degna di questo nome; • Quale sia lo stato economico – finanziario del Consorzio Asi, più volte beneficiato da interventi regionali e se lo stesso sia in grado di raggiungere gli obiettivi prefissati nella sua mission.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment