Gonfiavano fatture per ottenere rimborsi

Scoperta la vendita simulata di beni, di tre imprese salentine, finalizzata all'indebita erogazione di finanziamenti pubblici

Circa 300 mila euro di ricavi e 70 mila euro di Iva sottratti alle casse dell’erario. Si tratta dell'atto conclusivo di una verifica condotta dalla Guardia di Finanza di Lecce che ha portato alla luce una considerevole evasione fiscale, nonché la scoperta di fatture soggettivamente false. Le indagini svolte dai finanzieri hanno permesso di scoprire la vendita simulata di beni strumentali, posta in essere da tre imprese salentine, e finalizzata all’indebito ottenimento di un finanziamento pubblico. L’attività investigativa, infatti, ha evidenziato che la cessione dei beni strumentali, di fatto, era avvenuta tra due imprese riconducibili allo stesso soggetto con l’interposizione fittizia di una terza impresa. Quest’ultima società “cartiera”, infatti, aveva il solo scopo di sovrafatturare, senza effettuare alcuna cessione di beni, per consentire all’impresa utilizzatrice finale del bene, di presentare una “fattura gonfiata” per ottenere un contributo da parte dello Stato in misura maggiore rispetto a quello effettivamente spettante. L’attività si è conclusa con la segnalazione all’agenzia delle entrate per il recupero delle imposte dovute e con il deferimento all’Autorità Giudiziaria di due responsabili per il reato di frode fiscale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment