Amministrative. Il centrosinistra candida Solito

Sogliano Cavour. Parola d’ordine rinnovamento. La coalizione di centrosinistra è compatta sul nome da candidare: Paolo Solito, 35 anni, avvocato e presidente di una squadra di calcio

SOGLIANO CAVOUR – Rinnovamento. E’ la parola d’ordine per la coalizione di forze progressiste di Sogliano Cavour, (PD, SEL, Puglia per Vendola, Italia dei Valori) che in questi giorni si sono riunite e, all’unanimità hanno deciso che, per le prossime elezioni amministrative che si svolgeranno in maggio, il loro candidato sindaco si chiamerà Paolo Solito. Avvocato e presidente di una locale squadra di calcio, Paolo Solito ha 35 anni. Ma l’età anagrafica non inganni, perché il giovane candidato ha alle spalle una solida formazione politica e una lunga gavetta amministrativa, con dieci anni da consigliere di minoranza presso il suo Comune. “In realtà si tratta di una scelta, quella della mia candidatura – dice Solito – che proviene non solo dal centrosinistra ma da una fetta ben più ampia della cittadinanza di Sogliano, che coinvolge diverse associazioni di categoria ed anche personalità di centrodestra, deluse dall’operato dell’attuale amministrazione”. Con un certo anticipo, dunque, a Sogliano Cavour si è aperta la campagna elettorale del centrosinistra, che ha già pronti i nomi che figureranno in lista, la maggior parte giovani. “Da tempo si professa il cambio generazionale in politica, ma poi ovunque vediamo sempre le stesse facce. La nostra è una scelta forte – prosegue il candidato sindaco – che punta su un rinnovamento tout court. Per questo anche la nostra lista sarà composta per lo più da giovani, a cui si vuole dare la possibilità di mettere in campo le professionalità e le competenze acquisite con lo studio e l’impegno”. Solito e la sua squadra hanno già messo in atto la prima parte di un’iniziativa volta al coinvolgimento popolare per la stesura del programma: “Abbiamo chiesto ai cittadini, tramite un questionario che abbiamo distribuito in piazza la domenica mattina, di indicare quali, secondo loro, siano le priorità politiche da attuare per il nostro paese. A breve i risultati saranno oggetto di un dibattito pubblico. Crediamo fermamente che la partecipazione e la collaborazione reciproca siano le chiavi del cambiamento”. Tra i temi e le priorità della piattaforma programmatica si anticipa un vigoroso intervento a sostegno dell’occupazione e dello sviluppo dell’economia locale, il miglioramento dei servizi. Si prevedono incentivi per i giovani che decidono di fare impresa nel Comune, incentivazione della raccolta differenziata con conseguente riduzione delle tasse, potenziamento dei servizi sociali per le persone anziane e i disabili. “Il nostro paese ha dimenticato da tempo cosa significhi fare politica seria. Sogliano vive in una situazione stagnante da un decennio, in cui le logiche sbagliate del favoritismo hanno prevalso sulle buone prassi e la meritocrazia. Tanto per citare un esempio su tutti, qualche tempo fa, quando c’è stata la necessità di assumere dei dipendenti al comune, non si è proceduto attraverso normale concorso pubblico, ma tramite chiamata diretta, escludendo di fatto tanti ragazzi e ragazze soglianesi dalla possibilità di aspirare ad un posto di lavoro. Noi vogliamo ripristinare il principio di trasparenza e quello pari opportunità per tutti, al di là del colore o dell’appartenenza politica”. “Mi auguro che i cittadini – conclude Solito – abbiano il coraggio di cambiare di voltare pagina seriamente, perché il cambiamento che auspichiamo è all’insegna della gestione imparziale e trasparente della cosa pubblica”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment